Cesenatico capofila del progetto «Viaggio Italiano»

Il 2017 sarà l’anno dedicato ai borghi, un patrimonio straordinario di tutto il nostro Paese da valorizzare, mettere in rete e promuovere. Dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso 15 febbraio a Roma alla presenza del Ministro Dario Franceschini, nei giorni scorsi è avvenuta la presentazione in Regione Emilia Romagna alla presenza dell’assessore regionale al turismo Andrea Corsini e del dirigente e responsabile dei progetti interregionali Laura Schiff.

L’iniziativa «Borghi – Viaggio Italiano» nasce da un progetto della Regione Emilia Romagna che, grazie alla volontà del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, è diventata una strategia nazionale. Il progetto vede coinvolti 18 regioni (capofila la Regione Emilia Romagna), il MIBACT, 1000 borghi italiani e 200 tra artisti, scrittori, musicisti, poeti e scienziati.

Cuore del progetto è la riscoperta dei centri storici italiani oggi meno conosciuti rispetto alle grandi città d’arte, in cui però è conservata una parte consistente del patrimonio artistico e culturale italiano; un asset strategico per il futuro, un vero e proprio tesoro nascosto che può essere fortemente competitivo a livello globale, rivolgendosi a un target raffinato e colto. Parola d’ordine è fare sistema attraverso un’articolazione che vedrà diverse categorie: Borghi d’Italia, Borghi storici marinari, paesaggi d’autore e Terre Malatestiane e del Montefeltro.

Il tutto sarà finanziato con oltre un milione di euro ed è già stato presentato un piano di azioni comuni che comprende la realizzazione di una grande mappa illustrata interattiva, la creazione di un portale web (www.viaggio-italiano.it), eventi e un piano di comunicazione nazionale integrato.

«In questo contesto di rete – spiega il sindaco Matteo Gozzoli – siamo onorati della scelta della nostra Regione che ha scelto Cesenatico come capofila dei Borghi storici marinari. Si tratta di una nuova bella opportunità per la nostra città e il nostro territorio che avrà la possibilità di entrare in una rete di 1000 Comuni da far conoscere ai turisti italiani ed esteri. Si conferma ancora una volta l’importanza del connubio tra turismo, cultura e tradizione di un luogo. Le scelte di valorizzazione e recupero del nostro borgo marinaro e delle nostre tradizioni fatte in passato oggi ci danno la possibilità di rappresentare gli antichi borghi marinari in Italia e in Europa e ci consentono di ampliare la nostra offerta turistica, fornendo occasioni ed esperienze turistiche e culturali anche lontano dai periodi di massima concentrazione turistica».

Soddisfazione espressa anche dall’assessore al turismo Gaia Morara. «Sarà importante creare una sinergia con le associazioni, gli interlocutori e i decisori in ambito turistico del nostro territorio, per creare un piano promo-commerciale efficace e concreto, in modo tale da essere competitivi e rendere accessibili e visibili i pacchetti esperienziali che dovranno essere creati. Sarà necessario sviluppare azioni con un forte orientamento alla vendita, tematizzata, interattiva e social, integrando tutti gli strumenti online, già resi disponibili in rete dalla Regione».

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *