Bimbo smarrito a Valverde

In vista dell’arrivo della settimana del Ferragosto, il Posto di Polizia di Cesenatico, al Comando dell’Ispettore Superiore Paolo Di Masi, ha intensificato i controlli sulle strade per garantire una maggiore sicurezza in questo periodo. Sono stati quindi potenziati i posti di controllo e gli interventi da parte delle volanti del Presidio con un conseguente aumento delle persone identificate e dei veicoli controllati, così come richiesto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza e dal Questore Loretta Bignardi.

Liti in famiglia. Nell’ambito degli interventi richiesti al Posto di Polizia sono da segnalare quelli effettuati per alcune liti in famiglia che si sono tutte risolte per il meglio grazie all’intervento del personale in divisa. Quest’ultimo dopo avere parlato con gli interessati li ha invitati a mantenere l’equilibrio in questo periodo di ferie e a lasciare, seppur per un breve lasso di tempo, i propri problemi al ritorno a casa, con la speranza che il periodo di ferie possa portare consiglio.

Bambino smarrito e ritrovato. Tutto finito per il meglio per una famiglia milanese, appena arrivata in vacanza in riviera a Valverde. Sabato 12 agosto la famiglia si è rivolta con apprensione al Posto di Polizia poiché il figlio si era perso tra gli stabilimenti balneari. Pare che il disorientamento del piccolo sia stato dovuto ai colori di due bagni, non troppo distanti tra loro, molto simili, che hanno tratto in inganno il bimbo che ha scelto l’ombrellone dello stabilimento sbagliato. Solo dopo oltre mezz’ora di ricerche il bambino è stato ritrovato e la famiglia si è potuta riabbracciare per potersi godere questo periodo di vacanza.

Controlli sugli autobus. I controllori incaricati della verifica dei titoli di viaggio a bordo degli autobus di Start Romagna, che collegano Cesena a Cesenatico, nel pomeriggio di venerdì 11 agosto hanno richiesto l’intervento del Posto di Polizia per problemi con un passeggero sprovvisto di titolo di viaggio che si rifiutava di fornire loro le proprie generalità. In particolare l’autobus ha fatto direttamente sosta davanti gli uffici di via Leonardo Da Vinci da cui sono scesi gli operatori che hanno richiesto l’intervento degli agenti. L’intervento è stato risolutivo e veloce poiché il giovane straniero, della Guinea, si è lasciato subito identificare dagli agenti e pertanto i controllori hanno potuto assolvere al loro incarico senza perdere ulteriore tempo.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *