Jazzenatico apre le danze: sul palco sorprese e sound

Manca poco all’inizio dell’edizione invernale del festival Jazzenatico, un appuntamento che ogni anno porta al teatro comunale di Cesenatico alcuni dei protagonisti di spicco della scena jazz contemporanea. Al timone la direzione artistica composta dai musicisti Fabio Nobile e Alessandro Fariselli, il cartellone della rassegna 2018 ha in serbo due novità: i primi tre appuntamenti della rassegna ospiteranno due concerti a sera. Le sorprese non sono finite qui, perché per ogni evento a vestire il ruolo di presentatori saranno dei nomi noti del panorama musicale locale e non solo.

Ad aprire le danze, venerdì 16 febbraio alle 21.15, sono gli eredi del jazz degli albori: con la serata dal titolo New Orleans Legacy, il festival s’inaugura con un tributo alle sonorità contaminate delle origini. A dare un assaggio di questo genere sarà il duo composto da Gloria Turrini e Mecco Guidi, al quale si succederanno sul palco i Lovesick Duo (Paolo Roberto Pianezza e Francesca Alinovi). Presenterà la serata il leader di The Good Fellas, Lucky Luciano.

Si prosegue venerdì 2 marzo alle 21.15 con l’ascolto dei brani originali proposti dal Massimiliano Rocchetta ‘Rocky’ Trio: a presentare il disco saranno il compositore e pianista Massimiliano Rocchetta, insieme a Paolo Ghetti e Stefano Paolini. Il trio lascerà poi il posto alla grande canzone italiana, con la performance dal titolo Cristina Di Pietro sings Mina. Presentatore d’eccezione Sergio Casabianca, poliedrico artista riminese molto attivo nel sociale.

Un quartetto dal profilo jazz-funk quello che per primo calcherà le scene del teatro comunale di Cesenatico venerdì 16 marzo sempre alle 21.15: il Giuseppe Zanca 4et proporrà una rilettura personale di alcuni temi del panorama pop-international, con alla guida il trombettista jazz Giuseppe Zanca sul palco insieme a Luca Bonucci, Stefano Casali e Stefano Paolini. A seguire, un vero e proprio viaggio sonoro attraverso il Great American Songbook, condotto da Michele Francesconi e Laura Avanzolini. Ad introdurre gli artisti nel corso della serata sarà Luca Medri, pianista dei Khorakhané e fondatore della scuola di musica di Forlì Cosascuola Music Academy.

A chiudere il cartellone, un concerto unico che vedrà protagonista la fortunata joint venture di musicisti italiani e internazionali: venerdì 30 marzo alle 21.15 a farla da padrone, nella serata conclusiva, sarà il jazz contemporaneo eseguito dal Luca Di Luzio Electric 4et feat. Max Ionata, Jimmy Haslip & Sonny Emory. Un jazz contaminato con funk, blues e musica latina, quello proposto dai quattro interpreti, che si snoda sulla trama di un groove studiatissimo. Proprio un esperto di ritmica come il batterista Pier Foschi farà da padrone di casa per il concerto finale della rassegna.

«Per ogni edizione – spiega Fabio Nobile, direttore artistico di Jazzenatico insieme ad Alessandro Fariselli – siamo alla ricerca di nuove idee. Quest’anno abbiamo scelto di dare visibilità a progetti locali di pregio e di duplicare l’offerta, senza però tralasciare il respiro internazionale che ormai contraddistingue il festival. L’obiettivo, portato avanti grazie al sostegno dell’amministrazione comunale, è quello di crescere con una proposta musicale accattivante e sempre all’altezza delle aspettative di un pubblico che negli anni è maturato insieme a noi».

Per info e prenotazioni rivolgersi alla biglietteria del teatro dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13: 0547 79274.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *