Caporalato, nei campi senza acqua e stipati come sardine

Con l’interrogatorio di garanzia avvenuto nel corrente fine settimana, si è conclusa una complessa attività di polizia giudiziaria che i militari del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Forlì hanno condotto eseguendo un’ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere nei confronti di tre persone di nazionalità marocchina accusate di aver reclutato ed impiegato manodopera in condizioni di sfruttamento presso imprese agricole della provincia di Forlì-Cesena, Ravenna e Verona.

Dopo le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Forlì, che nel corso del 2017 avevano già condotto ad arresti, sequestri, condanne e rinvii a giudizio, nuovamente il territorio romagnolo è stato quindi interessato da accertamenti penali in materia di “caporalato“.

Le indagini sono state avviate in seguito a segnalazioni di alcuni lavoratori alla Guardia di Finanza ed a quanto accertato in un accesso ispettivo dell’Ispettorato del lavoro nell’agosto 2017. Per trovare un riscontro a tali segnalazioni, il Pubblico Ministero ha indirizzato le indagini e coordinato il lavoro delle forze di polizia.
Su questa base è stata eseguita una lunga e complessa attività investigativa dalle Fiamme Gialle che è consistita in sopralluoghi, pedinamenti ed appostamenti, intercettazioni telefoniche, accertamenti finanziari, perquisizioni e sequestri di documentazione utile per i successivi riscontri incrociati.

Parallelamente, l’Ispettorato del Lavoro e l’Inail di Forlì hanno armonizzato la propria attività ispettiva amministrativa con quella di polizia giudiziaria compiendo un’accurata analisi degli aspetti lavoristici della vicenda.

Tali congiunte e coordinate attività hanno permesso una ricostruzione della dinamica criminosa.
Le tre persone arrestate gestivano, anche tramite soggetti “prestanome”, diverse società cooperative con cui avevano reclutato decine di lavoratori da destinare ad imprese agricole operanti soprattutto nel settore dell’allevamento dei polli.

Le condizioni a cui i lavoratori erano obbligati a soggiacere erano fortemente degradanti. Vi erano compensi orari compresi tra i 3 e i 6 euro, l’orario giornaliero poteva raggiungere le 14 ore di lavoro consecutivo anche in situazioni climatiche difficili (forte caldo d’estate e freddo invernale), senza
alcun accorgimento per la tutela della salute e talvolta senza neanche fornire cibo ed acqua (anzi, ogni infortunio o malattia comportava rimproveri e penalizzazioni per il lavoratore stesso).

Significative anche le condizioni abitative, in situazione di sovraffollamento (“come sardine” dice uno degli stessi indagati) ed assenza di adeguati servizi igienici (e talvolta anche di materassi per tutti): nonostante ciò, ai lavoratori era detratto, dal proprio compenso, un canone mensile sproporzionato.

Tali vessazioni venivano perpetrate nei confronti di soggetti in stato di bisogno economico e sociale. Le vittime di tali abusi sono infatti persone particolarmente fragili e prive di alternative esistenziali: richiedenti protezione internazionale in attesa di risposta, stranieri irregolari, soggetti con temporanei permessi di soggiorno.
Ciò era compiuto anche con l’utilizzo di minacce, tali da instaurare un forte clima intimidatorio.

Oltre alla custodia cautelare in carcere per i tre artefici dell’attività organizzata di reclutamento e sfruttamento, il GIP – su richiesta del Pubblico Ministero – ha disposto il sequestro di diversi mezzi utilizzati per trasportare i lavoratori (ai fini di una successiva confisca).

Inoltre, tra le persone indagate vi sono due imprenditori locali, i quali hanno già ricevuto l’informazione di garanzia e per i quali sarà valutata ogni responsabilità per l’utilizzo presso le loro aziende agricole (formalmente mediante contratti di appalto) di numerosi lavoratori reclutati e sfruttati dalle citate cooperative.

Nei confronti di sei società sono stati infine notificati gli avvisi di garanzia in ordine alla responsabilità dell’impresa nella commissione del reato contestato da parte dei suoi rappresentanti.
L’attività di polizia economico finanziaria effettuata è in linea con la vocazione sociale del Corpo tesa al contrasto del lavoro sommerso e di tutte le forme di illegalità ad essa collegate e volta a salvaguardare il diritto al lavoro affinché si rispetti l’uguaglianza tra le persone, la coesione della comunità e la tutela delle fasce più deboli.
Guardia

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *