Come cucinare il branzino? Con colore e benessere

di Liliana Succi

Una ricetta facilissima e velocissima che porta in tavola colore e benessere! Vi basteranno pochi ingredienti per il Filetto di branzino croccante con salsa piccante e Tropea al balsamico.

Per quattro persone ci serviranno 4 branzini sui 400 grammi l’uno, una ciotolina di salsa di pomodoro già cotta, 20 olive taggiasche denocciolate tagliate a rondelle, 20 foglie di basilico tagliate a julienne, 10 fili di erba cipollina tagliata molto fine, 3 rametti di origano fresco tritato in modo grossolano, una ciotolina di pangrattato, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 2 noci di burro chiarificato, olio extravergine di oliva, aceto balsamicosale, pepe e peperoncino frantumato.

Iniziamo eviscerando e pulendo i branzini, infine apriamoli ed eliminiamo la spina centrale, la testa e la coda. Ci rimarranno due filetti per ogni branzino dai quali cercheremo di togliere il maggior numero possibile di spine.

Intanto in una padella scaldiamo la salsa di pomodoro con le erbe aromatiche, le olive taggiasche e due pizzichi di peperoncino.

In un’altra padellina mettiamo a cucinare la cipolla di Tropea che abbiano precedentemente tagliato a julienne. Aggiustiamo di sale e poco prima di spegnere irroriamo con una piccola quantità di aceto balsamico, facciamolo un po’ evaporare (quando saltiamo attenzione alla fiamma!) lasciando la Tropea in questa salsina bella stretta.

A questo punto saliamo e impepiamo i nostri filetti di branzino, poi li passiamo nel mix di pangrattato e parmigiano grattugiato, che ci siamo preparati poco prima.

Li rosoliamo ben bene in una padella nella quale avremo sciolto il burro chiarificato.

E ora impiattiamo! Adagiamo i filetti di branzino sulla salsa, mentre la Tropea la sistemiamo a fianco del pesce.

Un consiglio: se vi rimane un po’ salsa sarà ottima per condire penne o spaghetti… Buon appetito!

Informazioni e prenotazioni: ristorante da Giuliano al porto canale (clicca qui) e ristorante da Giuliano Bistrot (clicca qui).

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *