Bilancio: le proposte della Lega su scuola e famiglia

Non c’è stato niente da fare per le due proposte di emendamento, collegate al bilancio di previsione 2019-2021 e avanzate dalla consigliera comunale della Lega Giulia Zecchi, incentrate sull’incremento e la natura dei contributi da riservare a famiglie e studenti del Comune di Cesenatico.

“Mi sarei aspettata di più da parte di questa maggioranza che invece predica bene e razzola male – attacca la Zecchi – di fronte a due proposte di buon senso, incentrate sulla necessità di aiutare le nostre famiglie e premiare chi lavora con i nostri ragazzi, avrei preferito una presa di posizione meno strumentale e più costruttiva da parte di chi governa questo Comune, ma il pregiudizio politico ancora una volta ha avuto la meglio.”

La Zecchi sviscera il contenuto dei suoi due emendamenti che “non hanno fatto breccia nella manovra di bilancio di questa amministrazione e che, molto semplicemente, riguardavano l’abbassamento della retta per la frequentazione del centro estivo comunale e l’aumento degli incentivi riservati alle Direzioni Didattiche cittadine che si occupano, con l’aiuto di tanti validi docenti, di sviluppare all’interno delle scuole primarie progetti educativi per la crescita e la formazione dei piccoli alunni.”

“Il sindaco Matteo Gozzoli, nel corso della sua arringa difensiva, ci ha tenuto a precisare la natura degli investimenti faraonici che il Comune di Cesenatico si appresterebbe a garantire nel prossimo triennio – conclude la Zecchi – tralasciando alcuni strafalcioni e l’assenza di piccole ma importanti manovre incentrate sul sociale. Come per esempio i 100mila euro impegnati sul 2019 per far fronte all’acquisto di un server in grado di mettere in rete le decine di telecamere installate in questi anni e costate alla collettività circa 500.000 che ad oggi sono inutilizzate proprio perché prive di questo dispositivo. Per non parlare del fiore all’occhiello di questa Giunta e dei 160mila euro buttati per la messa in sicurezza del ponte di cia Anita Garibaldi che dopo meno di 10 mesi dall’avvio dell’intervento, già perde i pezzi. Insomma, dal punto di vista strategico e in quanto a opere pubbliche, il sindaco Gozzoli e i suoi assessori lasciano molto a desiderare”.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *