Al via i lavori all’impianto di sollevamento

Sono iniziati questa mattina (martedì 9 aprile) i lavori di ripristino della condotta a mare dell’impianto di sollevamento delle acque bianche di piazza Volta nella frazione di Villamarina, un intervento da 160.000 euro.

Nell’estate 2016, infatti, la chiglia di un peschereccio o di un natante aveva provocato il cedimento della parete del tubo in acciaio nel tratto compreso tra la battigia e la scogliera. Questa interruzione aveva fatto sì che le acque bianche provenienti dall’impianto di sollevamento di piazza Volta venissero immesse a mare in zona di balneazione; pur trattandosi di acque bianche (acqua piovana non inquinata) il fatto aveva sollevato diverse lamentele da parte di operatori e turisti.

Il sistema di raccolta di acque bianche di Villamarina, realizzato negli anni 2004-2005, comprende la rete di condotte che si sviluppa su tutta la superficie della località e che recapitano nella centrale di sollevamento ubicata in piazza Volta. Le acque, a loro volta, vengono allontanate e scaricate a mare attraverso una condotta interrata in acciaio posta lungo il viale Fermi e vengono espulse oltre la barriera di scogli.

In particolare, si provvederà alla posa di un tubo di 84 metri in poliestere rinforzato con fibre di vetro (PRFV) DN 500, collegandolo alla condotta esistente tramite apposito giunto in acciaio. Successivamente verrà posto alla testa della tubazione un diffusore che proietta il flusso dei reflui in due direzioni opposte, fissato al fondale tramite cravatte in acciaio collegate a pali; in corrispondenza del diffusore verrà infisso sul fondale un palo di sostegno in acciaio dotato in sommità di un miraglio radarabile e segnale luminoso come da norme vigenti.

Il lavoro sarà eseguito in mare con l’utilizzo di un moto pontone e le operazioni subacquee saranno svolte da sommozzatori specializzati.

Dopo aver sostituito la parte ammalorata la tubazione verrà ricoperta da appositi “materassi” realizzati con rete sintetica e blocchi di calcestruzzo utili per assicurare la protezione della tubazione stessa. La parte terminale della tubazione è costituita da un dispositivo di scarico segnalato da boa luminosa e radarabile.

La durata effettiva dei lavori prevista è di 30 giorni fatte salve le condizioni meteo marine avverse.

La ditta esecutrice dei lavori è l’impresa E.CO.TEC. S.r.l. di Rimini aggiudicataria a seguito di gara di appalto che provvederà a condurre con un moto pontone le tubazioni necessarie ed eseguirà i lavori subacquei.

“Finalmente – commenta il sindaco Matteo Gozzoli – andiamo a risolvere una problematica molto sentita dai cittadini, dagli operatori e dal Comitato di Zona di Villamarina – Valverde. Prima difficoltà di bilancio, poi altri problematiche legate alla progettazione hanno rallentato la realizzazione dell’opera.
L’accorciamento della tubazione di trasporto delle acque bianche ha provocato non pochi disagi agli operatori turistici della zona, contavamo di risolvere prima la problematica e ci scusiamo per il ritardo ma ora siamo pronti per voltare pagine e a garantire il completamento dell’opera prima dell’inizio della stagione estiva 2019”.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *