Calci e pugni ai carabinieri nel dopo Notte del Liscio

Finale inaspettato per la Notte del Liscio a Cesenatico. Quando lo spettacolo in piazza Andrea Costa era agli sgoccioli è successo l’imprevisto.

Un 21enne tunisino, che a detta di alcuni testimoni aveva alzato un po’ troppo il gomito, è salito improvvisamente sul palco con un proprio amico-connazionale che a pochi metri di distanza gli dava manforte. Il sistema di sicurezza è entrato subito in azione cercando di calmare i due soggetti che in tutta risposta hanno alzato il tiro del proprio gesto arrivando a dare calci e pugni ai carabinieri, il tutto condito da minacce e insulti anche al personale di Protezione Civile che era presente.

Quando per le forze dell’ordine il limite era stato raggiunto, i due sono stati portati nella Caserma dei carabinieri di Cesenatico, dove sono stati denunciati a piede libero per violenza, minacce, lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. Per i due, che risultano incensurati, la legge non prevede l’arresto; inoltre non è stato fatto il test alcolemico in quanto non si contesta una sanzione amministrativa.

Il tutto è successo intorno alla mezzanotte i protagonisti sono un tunisino, 21enne, residente a Cesena e un coetaneo connazionale con permesso di soggiorno scaduto. A detta di alcuni testimoni i due già prima della “ribalta” di mezzanotte avevano infastidito alcune ragazze presenti in piazza.

Quando i militari, a seguito del fattaccio, li hanno perquisiti non hanno trovato nessun oggetto utile all’offesa. La perquisizione di uno dei due è stata favorita dallo spogliarello improvvisato del giovane, al grido di: “Controllatemi tanto non ho niente. Basta, non mi rompete!”.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *