La storia della ristorazione al Bagno Britannia con Luciano

Ernesto Rossi detto Luciano fin dalla nascita ci riporta nella Cesenatico da bere attraverso il racconto della sua vita passata nei ristoranti di questo piccolo e meraviglioso borgo di mare che ha accolto nel suo periodo d’oro (dagli anni ’50 al 2000) attori, politici, calciatori, veline e tanto altro…

Nel 1961 Luciano neanche maggiorenne iniziò la sua carriera in sala all’hotel Torino e da questa esperienza fu un crescendo fino ad arrivare alla gestione, insieme ad altri 3 soci, dell’hotel Pino dal ’88 al 2008 dove conobbe alcuni esponenti dell’élite italiana di quel periodo. Alcuni nomi? Spadolini, Andreotti, Maradona, Ben Johnson, Gerry Scotti, Mara Venier, Milly Carlucci e tanti altri.

Bagno Britannia è in via Ortigara a Cesenatico, per info e prenotazioni 0547 1860534

Aperti a pranzo tutti i giorni e cena dal martedì alla domenica.

Qui la pagina Facebook del Bagno Britannia

Ci racconta alcune sue “invenzioni” come la Vodka Imperiale, macedonia a base di Vodka, i primi tagliolini di pesce in bianco, le canocchie alla diavola e infine gli spaghetti alle vongole con i gusci che nel primi anni ’80 erano visti come una stranezza ma che oggi questo piatto super gettonato non ne può fare a meno.

Gli aneddoti che potrebbe narrare sono infiniti da Maradona che voleva solo il vino bianco scelto appositamente da Luciano anche quando andava in altri locali a mangiare o la gaffe con Gaspare e Zuzzurro che non riconobbe subito e che voleva cacciare via dalla sala da pranzo dell’hotel Pino. Quando capì chi fossero si salvò in corner con la battuta “ma senza impermeabile come facevo a riconoscervi!”.

La sua passione per la cucina lo portò come autodidatta a ritornare tra i fornelli in veste di chef nel ristorante Da Luciano di sua proprietà in via Mazzini, che gestì insieme a sua figlia Monica dal 2009 al 2016, quando si trasferirono in viale Carducci inserendo la dicitura live nel nome del locale dove si trovano tuttora.

Qui si inserisce Monica la figlia più grande di Luciano, anche lei ha trascorso i propri anni di bambina nei diversi locali che il padre ha gestito crescendo con la ristorazione nel sangue. L’accoglienza, l’intrattenimento dei clienti è un’arte che si acquisisce con l’esperienza e lei ha avuto un modello d’eccezione, Luciano infatti è un grande oratore che potrebbe parlare per ore senza ripetersi o stancare l’ascoltatore.

E così è successo con me, in questo articolo purtroppo non ho potuto raccontare tutte le gesta di uno degli ultimi ristoratori di vecchio stampo che hanno fatto grande il nome di Cesenatico anche dal punto di vista della ristorazione ma forse in futuro ci sarà modo per approfondire questo pezzo di storia cesenaticense.

Monica è a tutti gli effetti il braccio destro del padre che non solo cura i clienti, ma gestisce a livello organizzativo e amministrativo le loro attività.

Il dinamismo è una delle caratteristiche della famiglia Rossi che nel 2018 decise di prendere in gestione nel periodo estivo il Bagno Britannia garantendo altissima qualità nei pranzi e nelle cene proposte sotto gli ulivi centenari, una location molto intima ma anche semplice dove poter apprezzare dei gustosi tagliolini o spaghetti allo scoglio sempre rigorosamente cucinati da Luciano… che come i veri chef a fine pasto passa a salutare i commensali e chiedere se sono state gradite le pietanze.

Purtroppo quest’anno a causa della mancanza del personale Luciano e Monica hanno deciso di chiudere solo per l’estate il Ristorante Live Da Luciano trasferendo l’attività al Bagno Britannia dove i piatti vengono curati ugualmente nei minimi particolari e la brezza marina porta profumi di cibi cucinati con amore e competenza da un uomo che dell’esperienza ha fatto il suo biglietto da visita.

messaggio promozionale

Pin It

One thought on “La storia della ristorazione al Bagno Britannia con Luciano

  1. Io ho lavorato insieme a Luciano e al cameriere più longevo Tonino,all’hotel Pino,e ho solo bei ricordi di questa persona,grande professionista..gli auguro il meglio a lui e alla sua famiglia…Ricci Franco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *