Londra: testimonianza shock di un cittadino doc

Si trova a Londra per lavoro e come ci racconta “non era il mio momento”. Il batterista Chicco Capiozzo può raccontare quei momenti drammatici che oggi hanno gettato la capitale britannica nella paura del terrorismo.

“Quando ancora non è la tua ora – scrive Chicco sui social – Ero lì che passavo e sentivo polizia sfrecciare a mille, il tutto successo pochi minuti prima… Se fossi partito dall’albergo senza parlare con il manager tedesco, se non avessi fumato quella sigaretta, se avessi deciso di salire sul ponte (ed ero tentato), mentre ho optato di passargli sotto… Non so cosa dire se non che mi dispiace che matti armati di coltello siano liberi in ogni città!”.

Chicco Capiozzo si trova a Londra per suonare al Ronnie’s Scott con Mario Biondi, Massimo Greco, David Florio, Federico Malaman, Marco Scipione e Buonarota una tournée partita dall’Havana a Cuba e approdata a Londra. I musicisti sono di ritorno domenica 1 dicembre.

Scotland Yard ha confermato che si tratta di un attentato terroristico. Secondo una prima ricostruzione, un uomo avrebbe assalito alcune persone con un coltello e sarebbe stato poi colpito e ucciso dagli spari della polizia. Indossava una cintura esplosiva. L’aggressore sarebbe stato bloccato da alcuni civili prima dell’intervento della polizia, di cui uno avrebbe strappato il coltello dalle mani dell’assalitore.

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *