In arrivo un nuovo casinò. Ed è polemica

cantiereIniziano i lavori per la realizzazione, in via Litorale Marina a Cesenatico vicino alla pista di pattinaggio, della nuova Sala Bingo. Ed è polemica.

I cittadini gridano alla “legalizzazione di tutti i giochi d’azzardo”, all'”incremento della ludopatia nelle fasce di popolazione più esposte, in special modo anziani, pensionati e ragazzini”, e ancora “tutto questo nell’indifferenza quasi assoluta di molte forze politiche, di tutte le associazioni di categoria e di tutte le istituzioni comprese i comitati di quartiere coinvolti”. Insomma “la nostra amministrazione comunale si è adoperata con tutte le sue forze per favorire e facilitare la nascita nel nostro territorio di una grande sala da gioco (casinò), probabilmente la più grande del comprensorio di Forlì-Cesena”.

I fatti. La Giunta comunale nella variante al Piano Regolatore Generale (comunemente conosciuta come variante del 6%) ha posto le basi urbanistiche per far nascere la struttura, di circa 3000 metri quadrati.

Da parte sua l’amministrazione comunale spiega la situazione. “Le concessioni delle sale bingo le rilascia lo Stato con specifici bandi – spiega il dirigente all’urbanistica Vittorio Foschi –  Alla società privata A Cinque Atlantica Bingo questa concessione è stata rilasciata diversi anni fa. In particolare la società ha fatto richiesta di edificare una nuova sede, prevista dal Piano Regolatore Generale del 1998, nell’area privata in via Litorale Marina con destinazione ludica produttiva, per trasferire in questa area privata l’attività che al momento si trova ad Atlantica Bingo”. Quest’ultima è di proprietà comunale ed è inserita nella rivalutazione dell’area di Atlantica, per quale a breve verrà pubblicato un bando pubblico per la riqualificazione dell’intera area, destinata a parco divertimento e acquatico.

cantiere

“L’amministrazione, in seguito della richiesta della società, ha preso atto di questa volontà – continua il dirigente Foschi – La struttura che ospiterà il nuovo Bingo nascerà solo su una parte dell’area privata, da qui la variante. Inoltre al privato il Comune ha richiesto la realizzazione di un parcheggio e la realizzazione delle fogne bianche e nere”.

“Da parte sua il Comune non poteva decidere se autorizzare o meno una Sala Bingo, che è materia dello Stato – continua Foschi – ma poteva, come ha fatto, delocalizzare il Bingo, su un’area di proprietà privata, compatibile con le previsioni del PRG ’98 e concordare con il privato di lasciare l’area di proprietà comunale a Ponente, in quanto area di prossimo intervento urbanistico e di certo più centrale e meno idonea alla localizzazione di Bingo, che a Cesenatico già esiste, da diversi anni, per concessione statale”.

I lavori per la realizzazione della nuova struttura dureranno circa un anno e mezzo e “nel momento in cui ci sarà l’agibilità, la società si è impegnata a trasferire la sua attività nella nuova sede in via Litorale Marina”, conclude Vittorio Foschi.

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *