Confcommercio: «Sì al referendum per l’autonomia»

La Lega Nord propone il referendum per l’autonomia fiscale regionale e per l’indipendenza amministrativa della Romagna (clicca qui per leggere l’articolo). Tra i favorevoli a questo percorso si schiera Confcommercio.

«Già in passato – spiega il presidente Confcommercio, Augusto Patrignani – abbiamo sostenuto che si tratta di un passaggio democratico necessario per dare voce ai romagnoli su una materia fondamentale per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio. L’assetto istituzionale non può essere materia riservata alle alchimie del Palazzo, ma è bene che venga sondata è rispettata la volontà popolare. Potremmo dire con uno slogan: è la democrazia, bellezza!».

«In questi lustri è indubitabile che la Romagna abbia scontato un gap rispetto all’Emilia in termini di risorse, finanziamenti e progetti di sviluppo messi a disposizione dagli amministratori – aggiunge Patrignani – e ciò è riconducibile a precise scelte di chi ha governato la Regione. Negli ultimi tempi abbiamo riscontrato con favore un ‘inversione di tendenza con l’ammissione della necessità di rilanciare le istanze romagnole pur con pregiudiziali ancora evidenti come ad esempio il non adeguato sostegno al rilancio dell’aeroporto di Romagna, visto in antagonismo rispetto al Marconi. Il referendum per la Regione Romagna secondo Confcommercio va in questa direzione: quella di dare il giusto peso alla Romagna. E non può essere bollato, come è stato fatto in questi giorni da esponenti politici che rivestono cariche importanti, alla stregua di una patacata. Sono ben altre le patacate di cui è stata vittima la Romagna in questi anni».

Confcommercio auspica un dibattito sul merito del problema: pro e contro la Regione Romagna.

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *