Un dolce della tradizione romagnola: il salame di cioccolato

di Liliana Succi

Il salame di cioccolato è un dolce a base di cacao e biscotti secchi, la cui forma assomiglia a quella di un salame. E’ un dolce molto amato e diffuso in tante zone d’Italia. In Emilia Romagna si prepara soprattutto nel periodo natalizio e pasquale.

Per 4 persone servono 100 grammi di cioccolato fondente, 200 grammi di biscotti secchi, 50 grammi di zucchero semolato, un uovo, un bicchierino di rum, 100 grammi di burro e zucchero a velo.

Partiamo tritando i biscotti e il cioccolato, per poi scioglierlo a bagnomaria. Quindi mettiamo il burro ammorbidito in una ciotola, uniamo lo zucchero e cominciamo a montare. Aggiungere il rum e l’uovo leggermente sbattuto, continuando a lavorare fino a raggiungere un composto spumoso.

Uniamo il cioccolato tiepido e i biscotti sbriciolati, quindi mescoliamo con cura.

A questo punto facciamo un salsicciotto e lo arrotoliamo nella carta da forno. Facciamo riposare il nostro salame in frigorifero per circa 2 ore.

Ora lo possiamo tagliare a fette e spolverizzarlo con zucchero velo… Buon dolce a tutti!

Informazioni e prenotazioni: ristorante da Giuliano al porto canale (clicca qui) e ristorante da Giuliano Bistrot (clicca qui).

messaggio promozionale

Pin It

2 thoughts on “Un dolce della tradizione romagnola: il salame di cioccolato

  1. Chiedo, scusa ma alcune informazioni che postate sono “di parte” e “palesemente false”come attribuire l’invenzione o scoperta della salsa rosa all’imprenditrice ? Liliana.Se foste stati più informati sapreste che è risaputo a livello mondiale da milioni di cuochi che la suddetta salsa è nata in sud america nei primi decenni del 1900 originariamente si chiamava salsa “golf”in quanto….non sono io che faccio il giornalista se andate su internet scoprirete di aver fatto un errore che vi ha “screditato” da parte mia,anche per altre informazioni che “so non essere vere “e posso provarlo!Vi chiedo solo di essere più precisi in quanto vi seguo con interesse e penso che fate un buon lavoro,ma …..certe cose non si possono leggere,nonostante il mio apprezzamento e rispetto per voi di Living Cesenatico.Trovo che sia molto offensivo attribuire ad una persona……un merito che non ha sopratutto nella realtà gastronomica.Grazie ,buon lavoro,e spero che prendiate questa mia critica,positivamente per non ripetere errori,importanti,che poi chi sa il vero,legge e vi lascio immaginare a voi cosa possa pensare.Saluti e buon lavoro, e grazie per la parte positiva d’informazioni che aiutano la cittadinanza di Cesenatico !!!!Cordiali saluti

    • Alex grazie ma dove trovo la salsa rosa?
      La rubrica della Liliana è frutto di una collaborazione e non si tratta di articoli fatti da una redazione apposita. Ci rivolgiamo a chi cerca qualche ricetta da riprodurre in casa, se abbiamo peccato di ingenuità ci dispiace, il tuo attaccamento al mestiere e alle professionalità che ruotano attorno alla cucina è lodevole e ne faremo tesoro.

Rispondi a Alessandro Mazza Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *