L’idea di prendere un altro cane è un’ottima cosa, ma solo se la scelta viene fatta in modo consapevole. Innanzitutto bisogna sempre tenere in considerazione tutti gli aspetti, valutare bene sia quelli positivi ma anche quelli negativi, affinché il nuovo ospite a quattro zampe possa essere per noi una gioia e non un futuro problema.

caniSuccede spesso che spinti dal desiderio adottiamo un secondo cane senza valutarne bene la tipologia, la taglia e tutte quelle caratteristiche di razza che devono essere il più possibile compatibili con il nostro stile di vita, il luogo in cui viviamo… ma soprattutto compatibili con il peloso che abbiamo a casa.

Intanto se il cane di casa è un maschio, per semplificare le cose, il consiglio è quello di scegliere un cane del sesso opposto. Due cani adulti dello stesso sesso potrebbero in futuro azzuffarsi per una loro questione gerarchica e voi potreste non essere in grado di saper gestire la situazione.

Ad ogni modo il primo incontro fra il nuovo peloso, anche se cucciolo, e il vostro cane dovrà sempre avvenire in un “luogo neutro” come ad esempio al parco, nei giardini di quartiere… ma mai direttamente a casa vostra.

Una volta arrivati a casa, il vostro cane deve avere esattamente tutte le attenzioni che aveva prima, i suoi luoghi o angoli preferiti e vorrà sicuramente comunicare al nuovo arrivato quali siano le cose o i posti ai quali gli sia concesso accedere. Vi dico subito che sicuramente lo farà nel suo linguaggio quindi se lo vedrete sfoderare i suoi bei canini accompagnati da un ringhio non preoccupatevi, ma soprattutto non intervenite.

Se il vostro è un cane equilibrato sarà in grado di comunicare perfettamente con il suo nuovo “amico”. Lasciate che si arrangino da soli e vedrete che il vostro cane sarà un ottimo maestro, ancor di più se il nuovo peloso è un cucciolo. E’ molto importante anche che il cane adulto possa continuare ad avere i suoi momenti di tranquillità e, nel caso di un cucciolo molto esuberante, (come spesso accade per i cuccioli), starà a voi invece separarlo da lui.

foto_biciaNel caso il secondo cane arrivi da un canile vale la stessa regola e ricordate che, qualunque sia stato il passato di questo cane nel momento in cui lo porterete a casa vostra, non trattatelo più da “poverino” perché da quel momento in poi sarà solo un cane bisognoso di attenzioni, esattamente le stesse di cui tutti i cani hanno bisogno, con più lo tratterete da poverino, con più non lo aiuterete ad affrontare nel modo giusto la sua nuova vita.

Inizialmente fate tante passeggiate insieme con i vostri due pelosi, poi dopo qualche tempo però valutate anche il fatto di dividerli. Il vostro primo cane sarà felicissimo di avervi ogni tanto tutto per lui, mentre il nuovo arrivato dovrà abituarsi a stare solo con voi, anche in assenza dell’altro cane.

Ricordate, se avete un cane problematico, indisciplinato come ad esempio con il problema che scappa… non è con un secondo cane che risolverete i problemi, anzi il rischio è che i problemi si raddoppino.

Bene, a questo punto l’unica cosa che mi rimane da dirvi è … enjoy your dogs!

Please follow and like us:
Fabrizia Pagan

Fabrizia Pagan

Sono un istruttore cinofilo e addestratore ENCI. Ho frequentato la Scuola di Formazione Cinofila il Biancospino (PV). Ho frequentato corsi di specializzazione fra cui: "Fobie e paure stereotipate nel cane domestico", "L'aggressività canina", "Gli stati di eccitazione nel cane", "Il cane aggressivo" (relatore Dr. Joel Dehasse). Ho partecipato a numerosi stage di formazione tra cui: obedience, motivazione al gioco, agility, clicker training, disc dog, il cane e l’acqua, handling e toelettatura, il benessere del cane, ricerca, sheepdog. Ho frequentato inoltre il corso per “La tutela e il benessere dell’animale” presso Iscom Formazione Forlì-Cesena. Il cane è da sempre per me, un compagno e un amico fedele. Ho iniziato la mia esperienza in un campo frequentato da diversi cani di varie tipologie e razze. Trascorrendo molto tempo in mezzo a loro, ho potuto osservare, apprendere e interpretare il loro modo di essere attraverso un meraviglioso linguaggio. Da qui la mia determinazione mirata ad arricchire una conoscenza sul mondo della cinofilia fino a farne una professione. Lungo il mio percorso ho maturato esperienze con la Protezione Civile e l'addestramento per la ricerca su macerie. Oltre a questo, con i miei cani pratico: agility, obedience, sheepdog.

Lascia un commento