Il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli replica alle dichiarazioni della Lega Nord (clicca qui per leggere l’articolo) sulla proiezione del film «Hotel Splendid» che racconta la storia dei profughi ospitati nella struttura ricettiva di Ponente.

«Il 20 giugno si celebra la Giornata Internazionale dei Profughi istituita nel 2001 per ricordare i 50 anni dall’approvazione della Convenzione sui profughi da parte delle Nazioni Unite – spiega il primo cittadino – Per l’occasione abbiamo scelto di dedicare una serata alla proiezione del film documentario Hotel Splendid film, girato da Mauro Bucci un regista di Cesenatico che nell’ultimo biennio ha raccolto numerosi premi e riconoscimenti. Abbiamo pensato a questa serata semplicemente per dare il giusto riconoscimento ad un regista di Cesenatico che si sta facendo notare in tutta Italia e all’estero».

«L’argomento è tosto, difficile, magari anche fastidioso per alcuni, ma credo che il film meriti di essere visto. In quelle immagini ho solo visto la descrizione di un fenomeno che ci sta coinvolgendo in maniera massiva, creando anche problemi di convivenza alle nostre comunità, bisogna dirlo. Insieme a tanti Comuni d’Italia stiamo provando a gestirlo, con enormi difficoltà, tuttavia credo che quando c’è un fatto o un problema vada messo al centro e non tenuto nascosto. La proiezione non deve essere intesa come un’apologia del migrante ma come un momento di confronto e conoscenza e, magari dico io, per fare i complimenti a Mauro per il lavoro che ha fatto».

«Ho letto le polemiche della Lega Nord, a loro rispondo dicendo che la proiezione non cambia la vita a nessuno ma come sindaco sento il dovere di dare il giusto riconoscimento ad un nostro concittadino e le opere d’intelletto servono per far discutere, altrimenti perderebbero ragion d’essere».

Please follow and like us:
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Lascia un commento