Vivevano nel fango e tra le loro feci. Questo lo scenario che la Polizia Municipale intercomunale insieme al Nucleo di Polizia Giudiziaria delle Guardie Ecozoofile e l’Ausl si sono trovati difronte in un terreno agricolo a Misano, adibito ad allevamento e custodia di cani.

Il blitz è scattato nella mattinata di sabato 10 febbraio nella località Cella di Misano dove erano detenuti 12 cani dei quali 11 cocker ed un terranova in condizioni precarie e in gravi sofferenze. Alcuni degli animali vagavano nella fanghiglia in una porzione di terreno delimitata da una recinzione, poi risultata non idonea, in quanto provvista di parti acuminate e arrugginite. Inoltre i cani non erano neppure regolarmente registrati, in violazione della Legge Regionale n. 27/2000. Avevano il pelo imbrattato di fango, feci e urine, alcuni anche con patologie oculari a causa della mancanza di prestazioni sanitarie veterinarie specifiche.

La struttura è stata sottoposta a sequestro, così come gli animali affidati ad una struttura idonea a Vallecchio di Montescudo, mentre la 29enne di Misano, responsabile dell’allevamento, è stata denunciata per maltrattamenti.

Please follow and like us:
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Lascia un commento