Foto di repertorio

«L’importante è il risultato. E cioè che sia passato il principio che a Cesenatico non sono consentite soste non autorizzate di caravan di nomadi. Ciò che è intollerabile è l’ambiguità del sindaco Matteo Gozzoli che ha ingiuriato la Lega quando abbiamo segnalato la presenza abusiva di roulotte di nomadi, chiedendo più controlli, ma non esita a intestarsi il successo dell’operazione di sgombero come di una sua vittoria personale contro il degrado. Questa è la solita politica di un Pd con il vizio del doppiopesismo, che rende quel partito inaffidabile e senza credibilità».

Lo afferma Giulia Zecchi (Lega Nord) in un comunicato dove, pur considerando positivamente l’azione congiunta di Polizia Municipale e Carabinieri, che ringrazia per l’attività messa in campo, stigmatizza il comportamento contraddittorio del sindaco. «Il 19 giugno scorso – spiega la responsabile comunale del Carroccio – segnalammo al sindaco la presenza di roulotte di nomadi chiedendo più controlli. I nomadi sono poi stati fatti allontanare. Gozzoli, tuttavia, invece di ringraziare per la segnalazione, si è abbandonato al solito pistolotto ideologico contro la Lega. Nei giorni scorsi, altri nomadi si sono fermati nell’area verde lungo l’Adriatica, il sindaco ha firmato un’ordinanza di sgombero, che è stata messa in atto con successo domenica 8 luglio. Dunque, anche Gozzoli, come la Lega, pensa che la presenza abusiva di accampamenti di nomadi possa portare degrado e problemi di ordine pubblico. E ha agito di conseguenza, vantandosi poi pubblicamente della propria decisione. Insomma, se lo dice la Lega si alza il polverone, ma se lo fa un amministratore Pd allora “tutto va ben, madama la marchesa!”. L’ipocrisia politica del Pd è ormai diventata proverbiale».

Please follow and like us:
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Lascia un commento