Prova di maturità doveva essere e prova di maturità è stata per la Amadori Tigers Cesena che supera nettamente la Bakery Piacenza alla ricerca di nuovi equilibri; inanella la quinta vittoria consecutiva e mette gli emiliani, ora terzi, nel mirino.

Il tutto nella giornata in cui Civitanova tiene il passo di Cesena accorciando la classifica grazie alla vittoria casalinga contro la capolista Cento. Splendida la prestazione di tutta la truppa di coach Di Lorenzo con la palma di MVP che va al rientrante Marco Planezio, autore di 11 punti conditi da 7 rimbalzi, 5 assist e 3 palle recuperate.

Lo strappo decisivo arriva immediatamente come un montante a stordire i biancorossi di coach Campanella.

Gli ospiti segnano il primo punto a 6’23’’ dal primo mini intervallo, quando Cesena è già a 10. Sotto canestro la fisicità dei bianconeri è un fattore grazie agli 8 punti in 10 minuti del titolarissimo Tarik Hajrovic, mentre Planezio scarica sul parquet di un Carisport ribollente di passione tutta la sua voglia che consta di 7 punti e 2 assist a scrivere un più 14 che rappresenta solamente un passaggio verso un vantaggio che arriverà a toccare i 22 punti per la Amadori.

Il complessivo 9/10 da 2 punti del primo quarto, chiuso 24-9 per Brkic e compagni, rende esattamente la veemenza con la quale i romagnoli hanno approcciato il match.

Un match che nella parte centrale vede Piacenza reagire e Cesena controllare, grazie a quella che da questa sera torna ad essere la prima difesa del girone C in un ideale passaggio di consegne.

Piacenza prova nei quarti centrale a piazzare break che non sortiscono alcun effetto perché i Tigers trovano sempre la giocata giusta al momento giusto e sempre con un uomo diverso. Nemmeno lo 0-6 biancorosso griffato Cena – Pedroni dai 6,75 che porta Piacenza sotto la doppia cifra di svantaggio, ad inizio di ultimo quarto, scalfisce la mentalità vincente della Amadori.

I Tigers si rifugiano immediatamente in un time out dal quale Di Lorenzo estrae dal cilindro un coniglio dalle sembianze di Andrea Scanzi che prima centra il bersaglio grosso dall’arco, poi serve un assist al bacio a Papa che ringrazia e imbuca da sotto il 55-41. A questo punto i Tigers azzannano definitivamente la preda con Chiappelli, Scanzi e Hajrovic in pochissimi minuti. A metà dell’ultimo quarto il nuovo +20 Cesena sul 61-41 e il quinto fallo di Artioli mandano i titoli di coda sulla partita.

Carisport dunque inviolato alla 12^ giornata e Cesena chiamata a confermare il trend domenica prossima nella complicatissima trasferta di Chieti e successivamente ancora nel fortino bianconero contro Teramo.

Mancherà allora una sola giornata al termine del girone di andata ed il giro di boa potrebbe vedere la Amadori Tigers Cesena lassù, tra le migliori del campionato, pensando a cosa potrebbe essere stato senza infortuni, ma soprattutto a cosa sarà, con una squadra forte ed unita come quella che sta plasmando coach Di Lorenzo.

 

Please follow and like us:
Alessandro Mazza

Alessandro Mazza

Mi piace farmi gli affaracci vostri!

Lascia un commento