Lo diciamo subito a scanso di equivoci: sono carte e quindi non stiamo parlando dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si tratta di un gioco (per i più scettici) e di tarocchi (per gli appassionati). Così abbiamo chiesto ai professionisti di Olistic Art (Tommaso Crisci & Monica Marinidi “strapazzare” il Tarocchino Bolognese, chiedergli cosa le carte dicono sul Coronavirus e come la situazione si evolverà nei prossimi mesi.

Monica e Tommaso hanno fatto la stesa del gioco dei 5 mesi (da aprile a agosto, nella foto leggendo da sinistra verso destra) applicato all’Italia e alla situazione attuale correlata alla pandemia, sviluppi e criticità. La domanda era: uscita vera? “Avevamo chiesto l’arcano 13 come carta affermativa e il 13 è uscito in agosto”, spiegano Tommaso Crisci e Monica Marini.

Ma cosa dicono mese per mese le carte? “Si può dire che aprile, pur con qualche sviluppo positivo, è uscito fortemente critico. Maggio decisamente migliore, sono usciti 3 Re che in questo gioco hanno una simbologia molto positiva, l’angelo dell’amore (le relazioni), con l’accento posto sul movimento, i rapporti con il mondo, il denaro. La carta conclusiva del mese è quella della giustizia, ancora regole”.

“Si passa poi a giugno che mantiene solidità in termini di buona ripresa e di buoni accordi, specie per quanto riguarda il mondo del lavoro, indicato anche dalla ruota posizionata in senso positivo e indicando l’importanza di un annuncio da parte di un personaggio femminile di spicco (la zdaura, la donna di casa) anche se, il tutto ancora e sempre in un’ottica di prudenza, calma e tempi lunghi. Una sorta di caos (il matto) calmo (la temperanza). Luglio invece indica una crisi, il rivedere parecchie cose, conflitti e in special modo da un punto di vista sanitario, qui la carta del destino ci mette lo zampino. Da agosto è sì presente un’indicazione di uscita dal problema, grosso modo nelle prime tre settimane del mese, anche se sono ancora presenti blocchi e atti di forza. La carta conclusiva, le stelle, unisce la speranza ritrovata, la cura”.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply