A causa dell’emergenza sanitaria Covid-19, quest’anno, in occasione della festa nazionale del 25 aprile, non è stato possibile organizzare alcuna iniziativa che preveda una qualsiasi tipologia di incontro pubblico.

Con gli istituti culturali della città chiusi al pubblico, il Comune di Cesenatico ha scelto di onorare la ricorrenza ripresentando virtualmente le pitture che furono esposte in una memorabile mostra in ricordo della strage di Marzabotto allestita quindici anni fa alla Galleria d’Arte Leonardo da Vinci.

La mostra “Pittura e Memoria. La strage di Marzabotto” fu allestita alla Galleria Comunale d’Arte di Cesenatico dal 23 aprile al 22 maggio 2005 nell’ambito delle celebrazioni emiliano romagnole per il 60° anniversario della Liberazione e della Resistenza. In esposizione figurò una selezione di dipinti premiati nelle due edizioni del concorso d’arte bandito dalla città martire nel 1960 e nel 1961 in ricordo dell’eccidio del ’44. Tra le opere, provenienti dalla raccolta d’arte del Comune di Marzabotto, un particolare interesse suscitarono quelle di autori della cosiddetta scuola di Cesena, che qui ora è possibile rivedere.

“Riteniamo che queste opere, realizzate da noti artisti italiani sprigionino una grande forza comunicativa e mantengano vivo il ricordo di una delle pagine più drammatiche e dolorose della storia italiana – commenta il sindaco Matteo Gozzoli – Chiunque abbia interesse potrà collegarsi alla pagina web dedicata per prendere visione dell’intera mostra”.

Si ricorda, infine, che sabato 25 aprile sarà solo il sindaco a recarsi nei luoghi della memoria per rendere omaggio ai caduti per la libertà (Ponte Ruffio, Rocca di Cesena e cimitero cittadino).

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
 
Please follow and like us:
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Lascia un commento