“Sarà diversa, ma la Notte Rosa si farà”. Parola dell’assessore regionale al turismo Andrea Corsini che ha vagamente anticipato i contorni del grande evento di luglio di cui si sa ancora poco ma che si preannuncia più “lounge” che “rock”. E di rock ne sentiremo davvero poco in quest’estate di rimpianti in cui sono saltati come birilli alcuni grandi eventi che avrebbero portato in Romagna migliaia di persone.

In agenda erano infatti in programma alcuni concerti memorabili e, invece, si riparte dai vincoli stringenti del Dpcm, che prevedono, per la prossima estate, un tetto massimo di mille spettatori per gli spettacoli all’aperto e di cento per quelli indoor.

Che cosa ci siamo persi? In primis il live di Vasco Rossi del 26 giugno a Imola, quello di Ligabue il 19 giugno a Campovolo, lo show di Cesare Cremonini il 18 luglio a Imola e il concerto contro la violenza di genere che, il 19 settembre a Campovolo, avrebbe visto salire sul palco anche Laura Pausini.

Annullati anche tutti gli eventi nelle vicine Marche, una delle regioni musicalmente più dinamiche durante l’estate. Niente Spilla Festival di Ancona (guest-star Tom Walker), niente Summer Jamboree di Senigallia e arrivederci al 2021 anche con il “CaterRaduno” del format radiofonico Caterpillar e con “Deejay Xmasters” (quasi 100mila persone la scorsa estate a Senigallia).

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
Please follow and like us:

Lascia un commento