“L’assestamento di bilancio approvato dalla maggioranza Pd-Pri, che sostiene l’amministrazione Gozzoli, mette a nudo tutte le criticità dell’Ente comunale”, questa la denuncia del Movimento 5 Stelle.

“Crollano le previsioni di incasso delle entrare per mancanza dei servizi erogati e con la previsione di un aumento esponenziale degli insoluti per ben oltre il milione di euro – spiegano i consiglieri comunali Giuliano Fattori e Jessica Amadio – Nell’assestamento di bilancio si permette da una parte ad ATR, che gestisce in città i parcheggi a pagamento, di ridursi il canone di circa 150mila euro, ma lo stesso non si applica ad Hera per il servizio Tari, che staccherà la stessa fattura prevista prima dell’emergenza Covid-19. Il rischio nei prossimi anni, se la crisi economica dovesse portare ancora una volta ad aumentare gli insoluti per questa imposta, è non solo di non pagare meno ma di pagare di più: il quanto non pagato verrà ridistribuito su chi paga, mantenendo invariato il costo complessivo del servizio”.

“Tanta confusione poi sulla gestione della tassa di suolo pubblico, di cui solo in commissione ci si è accorti che a distanza di pochi giorni, ovvero al 31 luglio, sarebbe scaduto il rinvio approvato nei mesi scorsi dal Consiglio Comunale – continuano i pentastellati – Inoltre, da una parte per far tornare i conti arrivano 3 milioni di trasferimenti dal Governo e si sospendono i mutui in essere per oltre 2 milioni di euro, dall’altra si accende un nuovo mutuo per 380mila euro per finanziare il costo del ciclodromo, che pur essendo ancora sulla carta vede passare i costi da 1 milione a 1 milione e 380 mila euro, per un aumento dei costi del 38%. Forse era il caso di rinviare più avanti questa scelta vista la contingenza economica attuale. Ma si sa: tra un anno ci sono le elezioni amministrative e l’occasione di uno spot elettorale era troppo ghiotta”.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
 
 
 
 
Please follow and like us:
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Lascia un commento