Il Mar-Museo d’Arte della Città di Ravenna ospita da oggi (10 ottobre) al 10 gennaio la mostra personale ‘Paolo Roversi – Studio Luce’, dedicata al fotografo ravennate e realizzata con il contributo di Christian Dior Couture, Dauphin e Pirelli. L’allestimento si sviluppa sui tre piani espositivi del Mar e comprende molte immagini diverse tra loro, in una serie di accostamenti e sovrapposizioni.
Ad aprire il percorso, le prime fotografie di moda e i ritratti di amici e artisti come Robert Frank e Peter Lindbergh che si alternano a still life di sgabelli raccolti in strada e immagini che ritraggono la Deardorff, macchina fotografica con cui Roversi scatta da sempre.
L’autore mette in mostra i lavori più recenti: una selezione del calendario Pirelli 2020 e una serie di scatti di moda inediti, esposti per la prima volta, frutto del lavoro decennale per brand come Dior e Comme des Garcons e magazine come Vogue Italia, in una sequenza che arriva agli editoriali più recenti.
In omaggio al 700/o anniversario della morte di Dante, sarà presente un’ampia selezione di scatti provenienti direttamente dall’archivio di Roversi che celebrano e reinventano la figura della musa, la Beatrice cantata dal Poeta nella Divina Commedia, interpretata in chiave contemporanea da donne come Natalia Vodianova, Kate Moss, Naomi Campbell e Rihanna.
Paolo Roversi, 73 anni, nel 1973 si è trasferito a Parigi, città dove ancora oggi vive e lavora nel suo atelier in Rue Paul Fort, lo ‘Studio Luce’ che dà titolo alla mostra. A parte rare eccezioni, Roversi lavora in studio, per lui spazio dalla duplice connotazione: da una parte luogo fisico, un teatro essenziale e scarno dove mettere in scena i propri sogni e desideri; dall’altra un luogo della mente, una sorta di contesto rituale che apre le porte ad una dimensione alternativa, la cui chiave è, da sempre, la luce.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

Please follow and like us:

Lascia un commento