Torna, con la 14/a edizione interamente online, ‘BilBOlbul’, festival internazionale del fumetto ideato e organizzato a Bologna dall’associazione Hamelin: sul sito www.bilbolbul.net e sui canali YouTube e Facebook del Festival si svilupperà un ricco calendario di conferenze, incontri con gli autori, presentazioni di libri.
Tema conduttore dell’edizione 2020 è il ‘corpo’, un lavoro artistico che – spiegano i promotori – è anche indagine sull’identità, personale e politica: ecco perché BilBOlbul ha scelto di ospitare voci nella quasi totalità femminili, a cominciare dall’artista cui è stata affidata la realizzazione del manifesto, Emilie Gleason, Premio Rivelazione al Festival di Angouleme 2019 per il suo graphic novel ‘Ted, un tipo strano’, storia di un ragazzo affetto da disturbo dello spettro autistico alle prese con la vita di tutti i giorni, che uscirà in Italia per Canicola proprio in occasione di BilBOlbul.

 
 
 

In programma anche una serie di seminari dedicati agli studenti dell’Accademia di Belle Arti e dell’Erasmus Mundus in Culture Letterarie Europee dell’Università di Bologna e un ciclo di appuntamenti online con autrici e autori del Festival dedicati alle scuole superiori di Bologna.

Sono state invece rimandate a data da definire le mostre in programma, tra cui quella collettiva, tutta al femminile, ‘Prendere posizione. Il corpo sulla pagina’, dedicata a a Emilie Gleason, Rikke Villadsen, Nicoz Balboa e Alice Socal, prevista alla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e della quale però uscirà il catalogo curato da Hamelin in occasione del Festival.

BilBOlbul proseguirà poi oltre la data del 29 novembre con ‘BBB continua’, un calendario di incontri e presentazioni di libri online fino al 15 gennaio.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 

Leave a Reply