Agli italiani piace il green, al punto che negli ultimi anni è salito il numero di famiglie che fa attenzione al benessere e alla salute dell’ambiente. Cambiano dunque le abitudini delle persone, che adesso stanno più attente al riciclo, alla differenziata, agli sprechi energetici e a tanti altri aspetti cruciali per la sopravvivenza del nostro pianeta. Di contro, si può e si deve fare sempre meglio: al pensiero green deve infatti corrispondere uno stile di vita verde molto più concreto e tangibile, dato che alle volte purtroppo il tutto si riduce alle semplici parole. Vediamo quindi come vivere in maniera ecosostenibile.

Vivere green tra le quattro mura domestiche

Bisogna fare molta attenzione agli sprechi energetici, per prima cosa. Si tratta infatti di uno dei problemi più evidenti fra le quattro mura domestiche, che coinvolge tanto gli sprechi di luce e gas, quanto quelli di acqua. Un consiglio utile in tal senso è il seguente: accessoriare la casa con le lampadine LED dotate di sensore di presenza, e installare i riduttori di flusso per risparmiare sugli sprechi idrici. Per il riscaldamento, invece, ecco una soluzione hi-tech come i termostati smart. Rimanendo in tema di forniture, è importante aderire ad un’offerta di energia verde, oggi reperibile anche online, in modo tale da rispettare l’ambiente sfruttando energia pulita. Si tratta in pratica di un’ottima alternativa all’installazione di impianti casalinghi come il fotovoltaico, inizialmente costoso e comunque non applicabile in qualsiasi situazione. Un altro suggerimento utile riguarda il cibo: mai sprecare gli avanzi, congelandoli per poi riutilizzarli, e fare sempre attenzione alla data di scadenza degli alimenti. Infine, chiudendo con la tavola, è il caso di acquistare cibi bio a kilometro zero o meglio ancora autoprodotti.

 
 

Le abitudini verdi da adottare fuori casa

Serve avere rispetto dell’ambiente che ci circonda, e qui è fondamentale partire dalle basi, ovvero evitare di gettare le cartacce e i mozziconi di sigaretta per terra. Naturalmente è importante dare il proprio contributo al benessere dell’aria, cercando di usare il meno possibile l’automobile, o acquistando un modello elettrico, che inquina di meno. Altre opzioni per la mobilità green sono la classica bicicletta, i mezzi pubblici e il car sharing. E poi c’è una buona abitudine che parte dalla casa ma che si concretizza fuori, ovvero la raccolta differenziata dei rifiuti e il rispetto delle indicazioni relative ai bidoni all’interno dei quali gettare la spazzatura. Ci sono tanti atteggiamenti che possono fare la differenza in chiave green, come ad esempio lo smaltimento corretto dei rifiuti elettronici come i grandi elettrodomestici, o pericolosi per l’ambiente come le pile. Si chiude con altri must: la riduzione dell’uso della plastica, la scelta di prodotti con un packaging sostenibile, il riuso, e l’utilizzo di prodotti naturali e non chimici.

Tanti piccoli accorgimenti possono fare la differenza: vivere green vuol dire aiutare se stessi, perché viviamo tutti sullo stesso pianeta. Bisogna tenerne sempre conto e cercare di agire di conseguenza.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply