Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza per la ripresa della scuola il 7 gennaio. Secondo il provvedimento ai fini del contenimento dell’epidemia da Covid-19, potranno tornare tra i banchi il 50% degli studenti.

“Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado – si legge nel testo – adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, in modo che, dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, sia garantita l’attività didattica in presenza al 50% della popolazione studentesca. La restante parte dell’attività è erogata tramite la didattica digitale integrata”. L’ordinanza è stata firmata dal ministro ieri sera (mercoledì 30 dicembre), e pubblicata oggi in Gazzetta Ufficiale. Dopo il 15 gennaio è atteso quindi un nuovo dpcm, e a quel punto il governo stabilirà se aumentare il numero di presenze in classe, con l’obiettivo di portare la didattica a distanza al 25% entro la fine del mese.

 
 
 

Il presidente del Consiglio Conte aveva anticipato appunto che il ritorno in classe sarebbe stato disposto per il 50% della popolazione studentesca, e non per il 75% dei ragazzi, come previsto invece dal dpcm del 3 dicembre. Fino alle vacanze di Natale, secondo quanto previsto dalla suddivisione in zone colorate, la didattica in presenza nelle Regioni nella fascia più a rischio era garantita solo fino alla prima media.

In questo modo non soltanto gli alunni delle elementari e delle medie, ma anche quelli più grandi, potranno completare l’anno in classe, dopo mesi di didattica a distanza.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply