Quando riapre il Bingo? Se lo chiedono in tanti, anche se – in tema di “attività essenziali” – è evidente che, in questo momento, le priorità sono ben altre.

Ma a Cesenatico la sala Bingo è, da sempre, un ritrovo abituale per molte persone (soprattutto anziani pensionati) e dunque, in questi giorni di riaperture, qualcuno ha posto la domanda.

Il problema è che una risposta ancora non c’è perché, tra le tante proiezioni azzardate in queste giorni dal Governo, nessuno si è ricordato delle sale gioco. Eppure è difficile pensare ad un settore più colpito di questo: dal 190 marzo 2020 (giorno della prima chiusura) al 30 aprile 2021, le sale bingo sono state chiuse 295 giorni. Per l’Erario si calcola una perdita di 20 milioni di euro al giorno e, in termini di gettito fiscale, un ammanco di oltre 5 miliardi in un anno. Per non parlare dei livelli occupazioni, con 50mila lavoratori a rischio.

 
 
 
 

Ed i ristori? Anche in questo comparto un mezzo disastro, appena il 2-3% rispetto alle perdite di ricavi. E a questo si aggiunge anche l’effetto tasse e, per il settore delle slot, quello dei versamenti del prelievo erariale unico. Il prossimo appuntamento è fissato al 30 aprile e da diverse settimane gli operatori del settore attendono un intervento che modifichi la programmazione delle scadenze previste per il quinto bimestre 2020 (l’ultimo di attività) e le postici perlomeno alla seconda metà del 2021. Con ogni probabilità la proroga ci sarà, ma non servirà a rianimare un settore che ancora non vede la luce di una possibile ripartenza.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

vignetta menghi
 
 
 

Leave a Reply