C’è chi, in questi giorni concitati di ripartenza, sfonderebbe il soffitto del proprio ristorante pur di poter svolgere il servizio all’aperto.

E, in effetti, ieri a Cesenatico – primo sabato di vero pienone – si sono viste in città soluzioni fantasiose e geniali. E allora, puntuale ed opportuno, ecco l’aggiornamento arrivato ieri da parte del Governo per chi gestisce servizi di ristorazione (DPCM 02 Marzo 202), tipo ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie, piadinerie.

 
 
 
 

COSA SI INTENDE PER CONSUMO DI ALIMENTI AL TAVOLO ALL’APERTO AREE ALL’APERTO?

1) Area senza alcuna copertura o coperta tramite ombrelloni

2) Dehors, vale a dire tensostrutture con pareti in materiale plastico amovibile / apribile, totalmente aperti

3) strutture con soffitto fisso, ma con almeno tre lati completamente aperti (salvo l’ingombro costituito dai sostegni)

4) strutture con soffitto fisso e pareti scorrevoli, aperte per almeno il 50% della superficie dei tre lati. In queste strutture possono essere utilizzati riscaldatori, stufe, altri strumenti di regolazione della temperatura.

E’ consentito il servizio al tavolo da parte del personale.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply