Il ciclismo è un’attività molto apprezzata in Italia e in tutto il mondo, e non potrebbe essere altrimenti, dato che si parla di uno sport sano e ricco di vantaggi per l’organismo umano. Il ciclismo innanzitutto tonifica i muscoli delle gambe e delle braccia, e inoltre fa bene sia al cuore che ai polmoni.

Come se non bastasse già questo, la bicicletta giova alle ossa e dà la possibilità di dimagrire, visto che si bruciano parecchie chilocalorie. Infine, consente di fare sport all’aria aperta, il che fa bene anche all’umore, e permette di muoversi senza per questo inquinare.

L’equipaggiamento necessario e la manutenzione

Chiaramente il ciclismo, se fatto nel modo sbagliato, può diventare anche uno sport rischioso. Questo per via delle distrazioni che potrebbero causare brutte cadute o incidenti in strada. Di conseguenza, è sempre necessario mettersi in sella con il giusto equipaggiamento, quindi con il casco di sicurezza e con gli abiti adatti, insieme al giubbino catarifrangente se si va in bici con il buio.

Anche la bicicletta stessa dovrebbe essere equipaggiata nel modo corretto, con le luci anteriori e posteriori funzionanti, con lo specchietto retrovisore e con il campanello per le segnalazioni. Naturalmente non dovrebbero mancare le varie placche catarifrangenti installate sui raggi delle ruote, altrettanto necessarie per una questione di sicurezza.

Per quanto concerne la manutenzione, si consiglia di controllare spesso la catena e il manubrio, oltre ovviamente alla pressione delle gomme. Se fossero sgonfie la bici potrebbe perdere aderenza e quindi causare delle brutte cadute. Infine, c’è la necessità di controllare periodicamente anche lo stato di salute dei freni, essenziali per poter andare in bici minimizzando qualsiasi pericolo.

 
 
 
 

Norme di buona condotta per il ciclista

Spesso i ciclisti si lamentano degli automobilisti, ma altrettanto spesso la colpa appartiene ai primi, che si gettano in strada ignorando completamente le norme di buona condotta. Di conseguenza è sempre importante avere chiare le norme di circolazione dei velocipedi, anche per via del fatto che l’eventuale violazione può comportare delle multe particolarmente salate.

Conoscere queste norme è importantissimo, poiché vi consentirà di evitare circostanze spiacevoli con gli altri mezzi presenti sulla strada. Un altro consiglio in questo senso è quello di tutelarsi mentre si è in sella, scegliendo un’assicurazione che copra eventuali infortuni dovuti a cadute o incidenti, come nel caso delle polizze Helvetia per affrontare infortuni e malattia, che possono andare incontro anche a questo tipo di necessità.

Come già chiarito, il rispetto delle norme su strada è essenziale per la coesistenza di tutti i mezzi di trasporto. Per questo motivo è essenziale conoscere bene la segnaletica, che viene sovente ignorata da chi va in bicicletta, creando davvero tanti pericoli in strada. Inoltre, i ciclisti devono per legge procedere su un’unica fila, e c’è l’obbligo di scendere dalla bici e procedere a piedi, nel caso in cui possano rappresentare una fonte di ostacolo per la circolazione di veicoli e pedoni. Infine, sarebbe sempre opportuno procedere sulle piste ciclabili, che hanno anch’esse le loro regole da rispettare.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply