fbpx
E’ polemica sui gravi problemi di ordine pubblico che, questa estate, ha visto Riccione essere tenuta sotto scacco dalle baby gang che ogni sera hanno messo a segno rapine e vandalismi. Dopo le accuse lanciate al sindaco, Renata Tosi, e all’assessore alla sicurezza, Elena Raffaelli, in aiuto del primo cittadino interviene il sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli.
“Esprimo la mia vicinanza alla sindaca Renata Tosi che si trova a gestire una situazione complessa senza avere i giusti strumenti a disposizione. Come ricordato qualche giorno fa insieme al collega sindaco di Camaiore, noi sindaci siamo chiamati tutti a gestire situazioni gravi che richiedono riflessioni sulla gestione dell’ordine pubblico nelle località come quelle della Riviera che in estate arrivano anche a quadruplicare la popolazione presente”, interviene il primo cittadino di Cesenatico.
 
 
“Per questo abbiamo bisogno di essere uniti a prescindere dal colore politico. Fare ognuno per sé non è una scelta vincente. I sindaci e la Polizia Locale spesso vengono chiamati in causa pur non avendo né gli strumenti né le competenze per affrontare talune situazioni di ordine pubblico. Abbiamo tutti bisogno di supporto da parte del Ministero dell’Interno e delle forze di polizia sul territorio, abbiamo bisogno che si prenda coscienza della esigenze dei singoli territori e in particolare modo della costa – continua Gozzoli – Il centro-destra di Cesenatico prende sistematicamente ad esempio Riccione come se noi non dovessimo essere orgogliosi di essere cesenaticensi: oggi, proprio sulla sicurezza, Riccione è in difficoltà, ma non ci perdiamo in polemiche, attacchi o strumentalizzazioni. Serve una riflessione seria e ci vogliono proposte e unità di intenti per lavorare sull’apertura stabile dei Posti Estivi e la sistematicità dei rinforzi estivi. Oggi pensare di avere rinforzi da giugno a settembre è impossibile, ma deve diventare un obiettivo a cui puntare per la qualità dell’offerta turistica dei nostri territori”.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply