Arriva l’obbligo di Green pass per tutti i lavoratori del pubblico e delle società partecipate dallo Stato, per i tribunali, per gli organi costituzionali. E potrebbe arrivare già questa settimana l’obbligo del certificato verde anche per tutti i lavoratori privati. Una decisione è attesa per giovedì, quando il premier Mario Draghi riunirà il Consiglio dei ministri.

Ma le riunioni tecniche si susseguono in queste ore su una via che, però, pare ormai irreversibilmente tracciata: l’estensione si farà, in uno o al massimo due step, uno per il pubblico, l’altro per il privato. L’obbligo partirà alla metà di ottobre, per dare il tempo a chi non ha fatto ancora la prima dose di vaccinarsi. E ci saranno sanzioni severe, pecuniarie e amministrative, per chi non ha il pass.

 
 
 

Dopo che anche la Lega si è detta possibilista sul tema, non sembrano dunque esserci più ostacoli. Giancarlo Giorgetti, capo delegazione della Lega, interrogato sull’imposizione del green pass in tutte le aziende, ha confermato che si tratta di “un’ipotesi in discussione”.

Insomma, anche se permane la linea della prudenza di Matteo Salvini, la convinzione nel governo è che ormai la linea sia largamente condivisa. Anche perché giovedì in Cdm dovrebbe essere istituito il fondo per indennizzare chi sia stato danneggiato dai vaccini, fondo chiesto in Parlamento proprio dalla Lega.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 

Leave a Reply