fbpx

Mercoledì 6 ottobre sarà presentato il nuovo libro scritto dal dottor Fabio Ghigi, “Davvero vuoi stare bene? Vita del Gorilla, storie di desomatizzazione e nuove frontiere del benessere”, presso l’agriturismo Le Margherite a Sala di Cesenatico (FC) con la collaborazione del Poliambulatorio Giano di Cesena.

Il titolo del libro suscita subito curiosità. Che cos’è la desomatizzazione? E a cosa si riferisce? Non se ne è ancora sentito parlare, come mai?

Iniziamo introducendo l’autore.

Il Dottor Fabio Ghigi inizia il proprio percorso professionale nel 1988, quando si laurea in Medicina e Chirurgia a Milano, a cui segue la specializzazione in Ginecologia e “da allora non ho mai smesso di studiare”, ammette.

“Dieci anni fa, un po’ deluso da alcuni mancati risultati con l’utilizzo delle terapie naturali che già utilizzavo da oltre vent’anni, ho deciso di dare un mio contributo personale attraverso lo studio di nuovi schemi attraverso i quali ci ammaliamo. In particolare, mi affascina capire il modo attraverso il quale il cervello legge la realtà che lo circonda e da questa lettura a volte confusa che fa il cervello, credo origini buona parte di tutte le malattie”, spiega il dottor Ghigi.

 
 
 

Dottore quindi questo significa che le malattie possono avere un’origine emotiva?

“Dall’analisi clinica di questi ultimi vent’anni, abbiamo potuto osservare che ogni malattia ha una componente emotiva o emozionale che il nostro corpo esprime attraverso i sintomi il disagio che il sistema nervoso centrale comunica al corpo e i cui sintomi (somatizzazione) fanno parte del linguaggio del corpo che nasce dal contatto tra gli organi e il sistema nervoso, cioè il cervello.

Le emozioni sono parte integrante della nostra vita e quando divengono molto forti e non riusciamo a esprimerle bene, esse potrebbero trovare altre vie di espressione. La rabbia per esempio che non riusciamo a tirar fuori potrebbe divenire “stravaso di bile” e darci qualche bella difficoltà a livello digestivo. Questa è la somatizzazione.

Le malattie sorgono molto spesso da atteggiamenti, modi, comportamenti e stili di vita sbagliati e cronicizzati, che di solito cerchiamo di sanare mangiando correttamente, facendo attività fisica o assumendo integratori. Ci dimentichiamo però solitamente di “pensare bene” cioè di dare il giusto peso alla vita emotiva. Da queste considerazioni parte il percorso di benessere che propongo ai miei pazienti.

Quindi se le terapie classiche, in certi casi non danno benefici a lungo termine e il solo vivere bene non basta, cosa possiamo fare?

“Ho impegnato gli ultimi dieci anni della mia vita nello studio di un percorso innovativo, che potesse integrarsi anche con le terapie classiche, nel dare una accelerazione al processo di raggiungimento del benessere, in particolare nell’affrontare le problematiche legate alla cronicizzazione. Questo percorso, nato da studi, sperimentazione e casistiche cliniche l’ho chiamato desomatizzazione”.

Cos’è quindi la desomatizzazione?

“E’ un concetto nuovo, che trae origine dallo studio della neuroscienza, scienza che studia approfonditamente il rapporto fra mente e organismo. Il concetto fondamentale è che noi trasformiamo tutte le tensioni che non riusciamo ad eliminare, riflettendole o meglio spostandole, sul nostro fisico. Quindi la mente, attraverso il nostro sistema nervoso scarica le tensioni sul corpo, che a sua volta comunica il disagio attraverso i sintomi.”

In cosa consiste la desomatizzazione? È una tecnica di ricerca, una terapia, oppure cosa?

La diagnosi è fondamentale ed è la prima azione da compiere in un percorso di benessere legata alla desomatizzazione, un’analisi non solo della situazione di salute del paziente e dei sintomi, ma anche e soprattutto della storia della persona nel suo complesso. Poi si agisce su due piani:

  • Stile di vita (pensare bene, mangiare sano e fare attività fisica)
  • Programma benessere (disintossicare, drenare attraverso prodotti fitoterapici creati ad hoc)

Seguendo le basi della medicina integrata, reputo importante anche la sinergia tra varie figure professionali, in un percorso di benessere e salute che può portare a risultati duraturi.”

Dottor Ghigi ci può raccontare un caso emblematico per farci capire meglio cos’è la desomatizzazione?

“Qualche mese fa ho visitato un ragazzo di circa 30 anni che si lamentava di una psoriasi (malattia della pelle) abbastanza importante, localizzata in testa e nelle articolazioni. Mi disse che era stato già visto da dottori e dermatologi e che le cure seguite gli avevano dato solo dei benefici momentanei. Così era venuto da me per capire, se attraverso la desomatizzazione, poteva avere dei risultati concreti e duraturi.

Iniziai una anamnesi del paziente, andando prima a capire da quanto tempo era affetto da questa malattia e in secondo luogo mi interessava conoscere il suo vissuto personale (traumi, problemi, relazioni familiari, insomma tutta la sua sfera psichica ed emotiva). Capimmo insieme, dopo un’attenta analisi, che lo scatenarsi di questa patologia era dovuto a un grosso disagio sentito durante l’età dell’adolescenza.

Le malattie della pelle sono spesso connesse al tipo di sensibilità della persona, perché la pelle è l’elemento di contatto con il mondo esterno, io la definisco come un vero e proprio ‘cervello spalmato sul corpo’, poiché la pelle appartiene al sistema nervoso centrale e attraverso di essa facciamo esperienza di quello che c’è fuori dal nostro corpo. La psoriasi può essere vista come il bisogno di proteggersi, uno schermo verso il mondo esterno che scherma i miei sentimenti e la mia sensibilità. Un esempio, portato all’estremo, ricevo un insulto o un trauma, e la psoriasi può manifestarsi come elemento di protezione, una sorta di corazza.

E così è stato per questo paziente, capendo le cause e lavorando sia sulla malattia che sul trauma attraverso la desomatizzazione, sono riuscito a migliorare le sue condizioni in maniera duratura. Ovviamente il percorso che porta al benessere non è immediato, necessita di costanza e impegno da parte sia del medico che del paziente.

Traendo spunto da questo breve esempio posso dire che la sperimentazione clinica e lo studio di casi hanno evidenziato come la desomatizzazione funziona in particolar modo in problematiche croniche là dove la componente emotiva è molto forte e il cronicizzarsi di comportamenti sbagliati può portare alla malattia.”

Non ci resta di leggere il libro “Davvero vuoi stare bene? Vita del Gorilla, storie di desomatizzazione e nuove frontiere del benessere” scritto dal dottor Fabio Ghigi e scoprire come stare bene attraverso la desomatizzazione.

Il dottor Fabio Ghigi (medico – MEDICINA INTEGRATA – PROGRAMMA di DESOMATIZZAZIONE) riceve a Cesena nel POLIAMBULATORIO GIANO, via Ancona 290, per fissare appuntamento chiamare il numero 393 9021487.

Per maggiori info sul Dottor Fabio Ghigi https://www.fabioghigi.com/

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply