fbpx

Una situazione praticamente assurda che riguarda il trasporto pubblico che transita per Cesenatico. A segnalarla un genitore incredulo.

“Mia figlia per tornare a Bagnarola oggi – racconta un padre – ha preso di corsa l’autobus 146, che prende raramente e che va a Cesenatico perchè tre autobus 94a, sempre destinati a Cesenatico erano tutti pieni”.

 
 
 

“Ad un certo punto – prosegue nel racconto -, fermi e a porte chiuse, comincia a sentire “Ma questo è il 146 che va a Capannaguzzo o quell’altro?”, “Ah bho…” e l’autista conferma che quell’autobus passa da Capannaguzzo e quindi non ferma a Bagnarola. A quel punto molti chiedono di uscire ma l’autista non apre le porte e parte senza far scendere chi voleva uscire dicendo poi successivamente, dopo loro insistenza, che lui non si può fermare. Mia figlia – aggiunge – è costretta a scendere a Macerone, subito prima di Bagnarola, per non finire a Capannaguzzo e noi costretti ad andarla a prendere in macchina”.

Un semplice errore, una disattenzione? La chiamata al call center di Start è chiarificatrice. Si fa per dire.

“Comunicatami la vicenda – spiega il genitore – chiamo il call center Start Romagna (a pagamento tra l’altro) e chiedo lumi. Mi rispondono che effettivamente il 146 fa due percorsi. Gli interrogativi sorgono spontanei: “Come può riconoscerli mia figlia? Cosa c’è scritto oltre a 146?”. Risposta: “In uno c’è scritto Cesenatico”. “E nell’altro?” Risposta: “Ah… anche””.

Il genitore sempre più spiazzato chiede numi certo che ci sia un elemento discriminante. Ma entrambi i bus passano alla stessa ora. Un’altra domanda sorge spontanea: “Scusi, ma allora mia figlia come fa a sapere quale bus deve prendere?”. Risposta: “Non so, chieda con l’autista!”.

Molto adirato per la situazione la signorina si è giustificata con il genitore dicendo che avrebbe cercato di rimediare chiedendo di fare apporre un cartello ulteriore in quello che passa per Bagnarola e viceversa.

“Siamo alle comiche – conclude il padre -. Questa è Start Romagna dove oltretutto in classe i ragazzi devono stare distanziati e nelle linee autobus poi si trovano a stare appiccicati come sardine. Gli autobus aumentano di solito di numero dopo la prima settimana di proteste e magicamente tornano pieni dopo i primi controlli, dopo che le polemiche si calmano sulla stampa”.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
Alessandro Mazza

Alessandro Mazza

Mi piace farmi gli affaracci vostri!

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply