fbpx

Cento giorni senza piogge significative per il distretto padano: una situazione meteo che comincia a preoccupare perché – come sostengono gli esperti – “si fa grave” la siccità del fiume Po.

Gli affluenti Trebbia, Secchia e Reno sono ai minimi storici dal 1972, mentre Dora Baltea, Adda, Ticino registrano un -75% nelle portate.

L’allarme arriva dall’Osservatorio sulle crisi idriche convocato ieri dall’Autorità di bacino del fiume Po – MiTe. Sos anche per l’agricoltura: “In Piemonte sarà già problematico dare il via alla stagione dell’irrigazione”. L’Autorità chiede deroghe per i prelievi a vantaggio di agricoltura e produzione di energetica idroelettrica.

 
 

“La portata del fiume Po in questo momento ci dimostra in molte sezioni che siamo in condizioni di estrema severità idrica. In alcuni casi con condizioni meno gravi, ma condizioni estreme sono a Piacenza, Cremona e gran parte della zona piemontese”, spiega Meuccio Berselli, segretario generale di ADbPo-MiTe.

“Cosa succede e cosa può succedere: intanto inizia fra poco la stagione dell’agricoltura in cui dobbiamo prelevare acqua e distribuirla. Quindi – insiste – da subito istituire le deroghe, consentire il prelievo e all’idroelettrico di produrre energia, perché in una situazione così drammatica per la geopolitica attuale noi dobbiamo portare a maturazione i nostri raccolti e fare energia idroelettrica”.

Berselli sottolinea la situazione preoccupante anche per l’intrusione del cuneo salino (la penetrazione dell’acqua marina verso l’entroterra) e il fatto che i grandi laghi siano, “come il Lago Maggiore, riempiti solo al 30%”. Insomma, conclude, “la situazione è davvero di una siccità severa”.

Un inverno mite e secco, è la “stabilità climatica” destinata ancora a perdurare, secondo i modelli previsionali, con all’orizzonte piogge inferiori alle medie e temperature piuttosto elevate anche nel prossimo periodo.

Questa condizione “lascia presagire come la disponibilità d’acqua attuale, non aumentando, difficilmente potrà colmare i fabbisogni della prima parte dell’estate, generando inoltre una probabile situazione di forte pressione per l’habitat fluviale, oltre al comparto idroelettrico che registra già i minimi di produzione degli ultimi 20 anni”.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply