fbpx

a cura dello Studio Associato Faggiotto Samorè

Il Decreto Legge n. 21/2022 (c.d. Decreto Ucraina), all’art. 2, ha previsto, per il solo anno 2022, che l’importo del valore dei buoni benzina o analoghi titoli ceduti a titolo gratuito dalle aziende private ai lavoratori dipendenti per l’acquisto di carburanti, nel limite di euro 200 per lavoratore, non concorre alla formazione del reddito imponibile ai sensi del comma 3, art. 51 del TUIR.

 
 

Perché conviene ?

I datori di lavoro possono erogare ai lavoratori dipendenti un valore corrispondente a 200 euro attraverso dei buoni “benzina “.  La modalità è semplice : basterà acquistare i buoni o direttamente presso i distributori con card prepagate o attraverso le piattaforme welfare

Chi può utilizzare il Bonus Carburante ?

Tutti i datori di lavoro privati

A quali lavoratori può essere corrisposto ?

A tutti i lavoratori indipendentemente dal loro reddito o isee

Quali sono i vantaggi?

Il valore del buono carburante è esente sia da contribuzione che da tassazione e non concorre al limite dei fringe benefit previsto dalla normativa vigente

Fino a quando ?

Il buono deve essere corrisposto entro il 31/12/2022

Studio Associato Faggiotto Samorè – viale Raffaello Sanzio, 42  Valverde –  0547 86414 – info@studiofaggiottosamore.it – www.studiofaggiottosamore.it.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply