fbpx

Un’altra storia – l’ennesima – di violenza contro le donne. E questa volta, il “carnefice” è un 46enne di Cesenatico (R.B.) arrestato nei giorni scorsi nel ravennate dopo che, per l’ennesima volta, aveva aggredito la sua ex.

L’uomo, che pare non voglia rassegnarsi alla fine della relazione (durata appena un mese), è stato più volte denunciato dalla donna, preoccupata anche dalle dipendenze dell’ex compagno spesso ubriaco, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e già in cura presso una comunità terapeutica.

 
 
 

L’ultimo episodio all’inizio di questa settimana quando lo stalker, dopo essere andato a cercare la donna a Punta Marina, all’arrivo dei carabinieri, prima ha cercato di speronarli con l’auto, poi ha sfilato la pistola dalla fondina di un appuntato, prima di essere immobilizzato con lo spray urticante e condotto in caserma, dove ha continuato a dare in escandescenze.

 
 
 
 

Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, è comparso davanti al giudice, che ne ha convalidato l’arresto, disponendo in attesa del processo la liberazione con obbligo di firma quotidiano

Nella stessa serata è stata ascoltata la donna che ha riferito di avere avuto con lui una recente relazione durata circa un mese. Si trovava a passeggio col cane quando ha visto l’uomo e, memore degli episodi passati, si è rifugiata in un bar. A quel punto, lui ha cominciato ad urlare mentre gli altri avventori cercavano di allontanarlo, da qui la decisione di chiamare il 112.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply