a cura dello Studio Associato Faggiotto Samorè

Il Decreto Legge 17 maggio 2022, n. 50 (c.d. Decreto Aiuti) introduce, quale misura a sostegno dei consumatori, una indennità una tantum di 200 euro da riconoscere, a cura dei datori di lavoro, ai lavoratori dipendenti, con la retribuzione erogata nel mese di luglio 2022.

Nell’attesa delle circolari esplicative elenchiamo di seguito i destinatari del beneficio:

  • LAVORATORI DIPENDENTI che dichiarano di non essere titolare di Pensione e Reddito di Cittadinanza
  • COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI  (reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021)
  • LAVORATORI DOMESTICI che dovranno fare domanda direttamente all’INPS (anche tramite un Patronato)
  • PERCETTORI DI NASPI e DIS COLL nel mese di Giugno 022
  • PERCETTORI DI INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA, che nel corso del 2022 percepiscono l’indennità di disoccupazione agricola di competenza del 2021
  • LAVORATORI STAGIONALI DEL TURISMO, DEGLI STABILIMENTI TERMALI, DELLO SPETTACOLO E DELLO SPORT beneficiari delle indennità previste dall’articolo 10, commi da 1 a 9, del decreto-legge n. 41/2021 ( 2400€ una tantum) e dall’articolo 42 del decreto-legge n. 73/2021 (1 600€ una tantum)
  • LAVORATORI INTERMITTENTI (A CHIAMATA) e STAGIONALI reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021, che nel 2021 hanno svolto la prestazione per almeno 50 giornate
  • LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI (deve risultare per il 2021 l’accredito di almeno un contributo mensile, e i lavoratori devono essere già iscritti, alla data del 18 maggio 2022, alla Gestione separata)
  • LAVORATORI AUTONOMI  (Con decreto del Ministro del lavoro, da adottare entro il 17 giugno 2022, saranno definiti i criteri e le modalità per la concessione dell’indennità una tantum)
  • PERCETTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA corrisposta d’ufficio, nel mese di luglio 2022, unitamente alla rata mensile di competenza

L’indennità una tantum di 200 euro spetta ai lavoratori dipendenti una sola volta, anche nel caso in cui siano titolari di più rapporti di lavoro e non costituisce reddito né ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali.

Si tratta di un importo che aumenta direttamente il netto in busta del lavoratore

Ai lavoratori dipendenti con rapporto di lavoro in corso, la somma verrà erogata dal datore di lavoro e sarà compensata attraverso la denuncia UniEmens e non attraverso il modello F24.

Al di là di queste prime considerazioni di carattere generale, preme fin d’ora evidenziare che l’attuazione della nuova misura necessita di un intervento in materia da parte dell’INPS, intervento che si auspica imminente anche in considerazione delle tempistiche fissate per l’erogazione: l’indennità deve essere, infatti, riconosciuta con la retribuzione corrisposta a luglio 2022 e, dunque, potrebbe interessare già i cedolini del mese di giugno nel caso di retribuzione pagata nel mese successivo a quello di maturazione.

Studio Associato Faggiotto Samorè – viale Raffaello Sanzio, 42  Valverde –  0547 86414 – info@studiofaggiottosamore.it – www.studiofaggiottosamore.it.

Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply