E’ in programma domani (sabato) la Nove Colli Running, preludio podistico della gran fondo che si svolgerà il giorno dopo.

La gara a piedi – che si snoderà lungo i 202 chilometri dello stesso tracciato della corsa in bicicletta – è considerata fra le più dure al mondo (da scalare anche il terribile Barbotto).

 
 
 
 

Al via 98 intrepidi concorrenti (tra cui 13 donne) e, considerando l’esito delle precedenti edizioni, è probabile che soltanto la metà riuscirà ad arrivare al traguardo (chi ci riuscirà riceverà come premio una medaglia di bronzo del peso di 700 grammi opera dell’artista Giuliano Giuliani). Sulla linea di partenza anche otto stranieri provenienti da Francia, Usa, Hong Kong, Slovacchia, Albania e Romania.

Il veterano della corsa è Antonio Mammoli alla sua 18ª Running, mentre fra le donne riflettori puntati su Giancarla Agostini che correrà la sua nona Nove Colli.

 
 
 
 
 

La partenza della gara – valida come prova del Campionato italiano Iuta di gran fondo su strada – è fissata per mezzogiorno dal porto canale di Cesenatico, di fronte al Museo della Marineria.

I primi arriveranno a tagliare il traguardo (tempo massimo consentito 30 ore) assieme ai ciclisti che partiranno all’alba del giorno dopo, domenica intorno alle 06 del mattino. Un parroco darà la benedizione a tutti i partenti e agli organizzatori dell’Endas Scarpaza, con in testa Mario Castagnoli.

 

Leave a Reply