fbpx

Ci risiamo. Esattamente un anno fa raccontammo la stessa incivile abitudine da parte di molti bagnanti di legare la propria bicicletta alle opere d’arte de “La cattedrale delle foglie e delle piante contadine”, un itinerario artistico di pregio composto dalle opere di Tonino Guerra e realizzate ai Giardini al Mare dallo scultore del ferro Aurelio Brunelli.

Un anno dopo – come documentano le foto che impazzano sui social – il senso artistico di molti vacanzieri della domenica non è migliorato, anzi.

Quel patrimonio artistico, che dovrebbero essere salvaguardato con cura e sensibilità, nell’ultimo fine settimana è stata nuovamente utilizzato come parcheggio per le biciclette dei bagnanti.     

Proprio così. Le sette grandi foglie che rappresentano il fico, l’olmo, l’olivo, la quercia, la foglia di fantasia, il cerro e la pawlonia sono state ancora una volta utilizzate come pali della luce e dunque utili per legarci le biciclette con un catenaccio.

Per carità, le opere sono progettate per vivere all’esterno e dunque non sarà una bicicletta appoggiata a provocarne il degrado. Ma un’opera d’arte è un’opera d’arte e, da questo punto di vista, lo sfregio lascia molto di più di una semplice ammaccatura.

 

 

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply