Quel trentenne cesenate, affetto da qualche turba psichica, era un “volto noto” alle forze dell’ordine che, già in passato, lo avevano fermato per comportamenti al limite della legalità. Lo scorso mese di luglio, però, sulla spiaggia di Cesenatico, aveva superato ogni limite quando, probabilmente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, era uscito completamente nudo da un camper e, “armato” con un bastone di legno, aveva aggredito due anziani turisti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Anche in quel caso, dopo essere tradotto alla caserma dei Carabinieri, era stato sottoposto ad una perizia psichiatrica. Stavolta, però, il suo stato mentale non lo salverà dal processo perché il giovane è stato dichiarato perfettamente in grado di intendere e di volere e dunque, questa mattina, comparirà di fronte al giudice per rispondere di lesioni, lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale (il 32enne, fermato nudo per strada, reagì con violenza anche contro i militari e se la prese anche con un infermiere).

L’aggressore – che dopo il ricovero immediato all’ospedale psichiatrico, ha scontato alcuni mesi di arresti domiciliari – sarà difeso dall’avvocato Fabrizio Briganti che non avrà un compito facile se il Giudice accoglierà le risultanze della perizia psichiatrica. Anche perché, nelle vesti di vittime, c’è quella coppia di turisti settantenni residenti ad a Saiano finiti all’ospedale con fratture multiple giudicate guaribili in un mese.

 

Leave a Reply