fbpx
 
 
 

Aumentano i casi di Covid e, dopo gli assembramenti della Notte Rosa, non è da escludere nei prossimi giorni un nuovo significativo rimbalzo dei contagi. Ma ciò che preoccupa maggiormente, in questo momento, è la notizia diramata ieri dall’Ausl regionale, che riferisce di circa un migliaio di sanitari infettati dal Covid in Emilia-Romagna. 

 
 
 
 
 

L’ascesa dei casi casi in corsia ha mandato di nuovo in sofferenza gli ospedali e la Regione ora aspetta lumi dal Governo, ad esempio sul periodo di isolamento da osservare con la nuova variante. 

Raffaele Donini, titolare della Sanità della giunta Bonaccini e coordinatore della commissione Salute, non nasconde i timori: “Quello che preoccupa di più – ammette l’assessore regionale alla Sanità – è che Omicron 5 è una tipologia di mutazione molto diversa rispetto alle versioni precedenti. Per questo notiamo anche molte infezioni. E soprattutto il personale sanitario, che per fortuna nella stragrande maggioranza dei casi non ha condizioni cliniche così gravi, è costretto a stare a casa. Abbiamo circa un migliaio di operatori sanitari oggi a casa col Covid”.

Per il resto Donini chiarisce che l’aumento dei ricoveri è soprattutto una questione di numeri. “E’ chiaro che oggi gli ospedalizzati sono molti meno in percentuale rispetto a tutte le ondate precedenti, ma a fronte di numeri sempre più elevati sono sempre di più coloro che necessitano di cure ospedaliere. Per la verità – aggiunge l’assessore – la gran parte sono in ospedale con il Covid e non per sintomatologia da Covid, ma il dato preoccupante è la quantità, non la qualità clinica dei pazienti”. Ad esempio in terapia intensiva, evidenzia ancora l’assessore regionale, il dato “è sempre molto basso”.

 

One Comment

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply