fbpx
 
 
 

Cesenatico ha visto la sua storia segnata da due importanti “passaggi”: quello di Leonardo da Vinci, il 6 settembre 1502, per il sopralluogo al porto su incarico di Cesare Borgia, testimoniato dai due famosi disegni nel “Codice L”; e quello di Giuseppe Garibaldi insieme ad Anita e circa duecento seguaci, che il 2 agosto 1849 si imbarcarono su alcuni bragozzi nel tentativo di raggiungere Venezia.

 
 
 
 
 
 
 

Due momenti molto brevi, ma importantissimi per la memoria collettiva e per la la costruzione di una identità cittadina, che ora vengono raccontati in una nuova apposita saletta all’interno dell’Antiquarium comunale, il museo che raccoglie le testimonianze archeologiche e storiche di Cesenatico e del suo territorio situato nell’edificio della ex Casa di Riposo per Anziani adiacente al Museo della Marineria, al cui percorso di visita è collegato internamente.

Antiquarium

All’interno della saletta, una vetrina mostrerà anche la riproduzione del “Codice L” con i disegni di Leonardo, mentre sul versante “garibaldino” verranno esposte alcune fotografie ed oggetti dall’archivio di Repubblica Fadigati, donato dal nipote Maurizio Carati, che testimoniano la vicenda personale di una donna profondamente legata per ragioni familiari e ideali alla figura di Giuseppe Garibaldi.

 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply