fbpx
 
 
 

Si è conclusa la stagione del Rinascimento di Ribalta Marea. Dopo due anni di eventi a capienza ridotta, l’arena del Teatro all’aperto è tornata alle origini per far risplendere gli eventi “made in” Cesenatico come il JuJu Memorial e non solo.

Quello che si è concluso è stato un calendario di appuntamenti culturali dall’alba al tramonto. Hanno riscontrato grande partecipazione i sei concerti all’alba (in collaborazione con la Coop. Stabilimenti Balneari) e i sei Notturni alle Conserve con la Classica sotto le stelle. In ogni appuntamento le “piazze” sono state riempite da centinaia di spettatori incantati dalle scelte musicali dei direttori artistici Thomas Cavuoto e Alberto Antolini.

 
 
 
 
 

Dal canto suo il Teatro all’aperto ha ospitato il Rinascimento secondo Mercadini, una dedica strappalacrime per il primo anniversario di nozze del leader dei Tiromancino, ha accolto l’unica occasione per assistere allo spettacolo di Drusilla Foer in Regione. Con il concerto inedito dei fratelli Stefano e Patrizio Fariselli e in occasione del JuJu Memorial piazza Spose dei Marinai è stata una cornice perfetta per un teatro all’aperto diffuso. L’arena non solo ha promosso grandi spettacoli, ha offerto emozioni al pubblico che, in molti casi ha avuto l’occasione per incontrare da vicino il proprio artista preferito e tornare a casa con Cesenatico nel cuore.

Ribalta Marea è stata una rassegna eterogenea che ha spaziato da spettacoli comici, sagaci fino ad abbracciare musica pop e ricercata che ha proseguito il suo percorso a suon di tutto esaurito o sold out sfiorati.

“Siamo molto contenti – ha spiegato Emanuela Pedulli, assessore alla Cultura – di questa stagione di Ribalta Marea che, dopo due anni di emergenza sanitaria, è tornata nella sua veste più classica. Gli spettacoli all’arena hanno avuto un’ottima risposta di pubblico e sono andati incontro a tante fasce di pubblico diverse: penso a Drusilia, a Mercadini, ai Tiromancino, a Max Angioni. Il Cinema in Piazza, insieme ai Notturni e alla Serenata delle Zanzare, è stata la nostra solida certezza così come i concerti all’alba che si sono dimostrati una volta di più un appuntamento speciale che rende la spiaggia di Cesenatico un luogo magico. Abbiamo concluso con il Ju Ju Memorial che ha reso il giusto tributo a Giulio Capiozzo e agli Area con piazza Spose che ha fatto da scenografia perfetta. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno collaborato e contribuito a questa lunga serie di appuntamenti e un pensiero particolare va ai dipendenti del settore cultura che hanno svolto un grande lavoro e sono già all’opera per programmare il cartellone invernale”.

Qualche anticipazioni per l’inverno? Cesenatico Classica torna nel suo orario canonico, le ore 17; le rassegne invernali, prosa, dialettale, concerti e musical sono tutte confermate e il primo sipario sarà a novembre.

Per il palinsesto l’attenzione è rivolta a quei nomi in grado di catturare il favore del pubblico per un inverno in cui il faro della cultura sarà acceso al Teatro Comunale.

 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply