fbpx
 
 
 

Un passo avanti verso la sicurezza. E’ stato sottoscritto ieri in Prefettura il protocollo ‘Mille occhi sulla città’, un patto fra le forze di polizia territoriali, i comuni di Forlì, Cesena e Cesenatico, le Unioni dei comuni della Romagna Forlivese, Valle del Savio e Rubicone e Mare e gli istituti di vigilanza Coopservice, Colas, Btv e Cittadini dell’Ordine.

L’intesa rappresenta un ulteriore strumento nel controllo del territorio e nella prevenzione di eventi criminosi. In base a questa collaborazione, infatti, “le guardie particolari giurate potranno svolgere compiti di osservazione e raccogliere elementi informativi utili per le forze di polizia ai fini delle prevenzione e della repressione dei reati, in modo particolare per quanto attiene alla sicurezza urbana”.

 
 
 
 
 

La figura del questore sarà l’anello di congiunzione tra gli istituti privati e le forze di polizia. In base al patto sottoscritto, il questore “indicherà le modalità operative dell’attività di osservazione, cui gli Istituti di vigilanza privata dovranno uniformarsi, avendo inoltre cura a tal fine di costituire un apposito tavolo tecnico con la partecipazione dei rappresentanti delle forze di polizia”.

“Per rendere poi sempre più efficace e omogeneo il modello di intervento del personale degli istituti di vigilanza – rimarca il comunicato della prefettura di Forlì-Cesena – saranno avviate mirate iniziative formative a favore delle guardie particolari giurate in stretta collaborazione con le forze di polizia a competenza generale e le polizie municipali interessate”.

Il protocollo siglato al palazzo del governo di Forlì è “immediatamente operativo, ha una valenza di 3 anni e sarà oggetto di periodiche verifiche sullo stato di attuazione, sulle eventuali criticità emerse e sui principali riscontri operativi ottenuti”.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply