fbpx
 
 
 

Diciotto anni dopo la sua tragica scomparsa, la storia tormentata di Marco Pantani – sul piano giudiziario – resta ancora aperta. Per la terza volta, infatti, la Procura di Rimini ha riaperto il fascicolo sulla morte del “Pirata” avvenuta nel 2004, nella notte di San Valentino.

A dare nuovo slancio alle indagini gli atti che la Commissione parlamentare antimafia trasmetterà a breve alla Procura di Rimini. Le carte processuali contengono infatti nuovi scenari investigativi che prendono spunto dalla testimonianza di Flavio Miradossa, lo spacciatore di Marco condannato in via definitiva a 5 anni di carcere. Secondo la procura di Rimini le sue dichiarazioni conterrebbero nuovi spunti per le indagini e, soprattutto, delle “zona oscure” tutte da chiarire.

 
 
 
 
 

Soddisfatti i nuovi legali della famiglia Pantani Fiorenzo e Alberto Alessi: “Speriamo che l’approfondimento dei fatti di cui la stessa Commissione fa cenno – spiegano in una nota –  sia giudiziariamente idoneo ad apportare un concreto e reale contributo nella fase d’indagini che risulta tuttora in svolgimento da parte della Procura della Repubblica di Rimini e ad opera della polizia giudiziaria”.

Quanto accaduto al Pirata in quel fatidico giorno di Madonna di Campiglio nel Giro d’Italia del 1999 “è ormai risaputo” – ricordano i genitori. “Sarebbe il caso – affermano per mezzo dei loro legali – che i lavori della Commissione possano aver contribuito anche e soprattutto a fare luce sugli accadimenti degli ultimi giorni di vita di Marco e che si rivelino davvero d’aiuto per l’autorità giudiziaria Riminese nel cui operato, va ribadito, si nutre piena fiducia”.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply