fbpx
 
 
 

Era ubriaco l’autista del camion che, nel primo pomeriggio di lunedì, è finito con il suo mezzo contro un’abitazione nella frazione cesenate di Calabrina, tra via Cervese e via Primo Targhini.

L’immobile – una villetta bi-familiare – ha riportato danni ingentissimi, tanto che – dopo il sopralluogo dei vigili del fuoco – l’edificio è stato dichiarato inagibile.

 
 
 
 
 

Gli esami sull’autista – un 52enne di origini rumene – hanno appurato che l’uomo si era messo al volante dopo aver bevuto. Un “dettaglio” che cambia radicalmente la sua posizione: questo significa, infatti, che l’autista – che lavora per un’azienda locale – sarà denunciato e che, se i riscontri saranno confermati, l’assicurazione non coprirà i danni.

Non è ancora chiaro il tasso alcolemico che il 52enne aveva nel sangue. Ricordiamo però che, rispetto alla guida in stato di ebbrezza, gli autisti professionali non hanno limiti di legge entro cui stare, il loro livello di alcol alla guida deve essere sempre zero.

L’autista, che nell’impatto ha riportato diverse fratture (i due femori, la clavicola, seconda vertebra cervicale e costato sinistro), si trova attualmente ricoverato all’ospedale Bufalini con una prognosi di 60 giorni.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply