fbpx
 
 
 

Immediato reintegro del personale amministrativo e degli Oss, mentre per i sanitari sospesi dagli Ordini si attenderà che siano gli Ordini stessi a revocare la sospensione, per poi procedere al reintegro.

E’ questo l’orientamento operativo della direzione regionale sanitaria dell’Emilia-Romagna, dopo la modifica del decreto che ha anticipato a ieri il termine dell’obbligo vaccinale per il personale sanitario e che, di fatto, revoca la sospensione per i 480 dipendenti della sanità pubblica che erano stati sospesi per il rifiuto di vaccinarsi contro il Covid.

 
 
 
 
 

La Direzione generale dell’assessorato regionale alla Sanità invierà oggi alle Aziende sanitarie una nota ufficiale con le indicazioni applicative.

Il rientro dei “no vax”, tuttavia, non servirà a colmare la carenza di medici, almeno nella nostra provincia dove i medici sospesi sono poco meno di una cinquantina. Sono infatti meno di dieci quelli che esercitavano la professione con regolarità prima del provvedimento di sospensione.

.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply