fbpx

E’ una brutta storia avvolta da mille dubbi e sospetti quella che ha tenuto banco, giovedì scorso, nel tribunale di Rimini. Alla sbarra un imprenditore cesenate di 30 anni residente a Santarcangelo, accusato di violenza sessuale su una lavoratrice stagionale bolognese di dieci anni più giovane che, all’epoca dei fatti, faceva la cameriera in un albergo a Cesenatico.  I due protagonisti della vicenda si conoscevano da tempo e questo, ovviamente, rende la storia molto più complicata. 

Secondo le carte del fascicolo processuale, i due una sera si misero d’accordo via messaggio per vedersi a casa di lui a Santarcangelo dove si consumò un rapporto sessuale. Secondo l’uomo un atto assolutamente consensuale, secondo la ragazza invece una vera e propria violenza sessuale.

L’unica certezza, sul piano degli indizi, è che – dopo quella serata – la ragazza, che stava facendo la stagionale in un hotel di Cesenatico, il giorno dopo decise di lasciare anzitempo il posto di lavoro e ricontattare l’uomo. Fu proprio l’imprenditore, visto che la ragazza era senza soldi, a pagarle il taxi per raggiungerlo nuovamente a Santarcangelo e fu sempre lui ad accompagnarla in stazione per farle prendere il primo treno per Bologna. Una giornata chiusa con alcuni sms tra i due ed alcuni scambi di battute ed emoticon via Instagram. Insomma, non proprio il “day-after” classico di una violenza sessuale.

Qualche giorno dopo l’incontro notturno, però, la ragazza presentò denuncia per violenza sessuale, dicendo anche che l’uomo nella fatidica serata avrebbe fatto uso di cocaina e che successivamente l’avrebbe minacciata. Per questa ragione – terrorizzata da possibili ripercussioni – si sarebbe comportata come ha fatto, ovvero senza denunciare subito la violenza subita e con messaggini e “faccine” tranquillizzanti via web.

Va detto che la ragazza i messaggi in questione li ha cancellati tutti. L’uomo invece no e i suoi difensori si sono rivolti al consulente tecnico Luca Mercuriali che è riuscito a recuperarli.

In attesa della prima udienza – fissata per il prossimo mese di aprile – giovedì scorso, in aula, è stato chiesto di ascoltare l’imprenditore e di poter sentire a testimonianza anche i proprietari dell’albergo di Cesenatico che – secondo la ragazza – “la trattavano male”.

L’accusa ha invece chiesto ed ottenuto di poter ascoltare alcune amiche della donna alle quali avrebbe raccontato la presunta violenza sessuale subita.

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply