fbpx
 
 
 

I Miami and the Groovers festeggia i dieci anni di “No way back” inciso a Cesenatico

a cura di Federica Gualdani

Più di mille concerti ed è solo l’inizio. La band, che domenica 22 gennaio si esibirà al teatro del Lavatoio di Santarcangelo dalle ore 17, ha portato la propria musica in Italia e all’estero. La passione comune unisce i membri del gruppo già dal 2000, quando il sogno di suonare è divenuto realtà.

 
 
 
 
 

«Cesenatico ha sempre avuto un ruolo importante per noi – racconta Lorenzo Semprini, cantante della band- ci siamo esibiti più volte a teatro e al Caffè degli Artisti. È parte della nostra storia. Una storia che è cominciata quasi per caso, quando abbiamo deciso di unirci all’insegna della passione che ci caratterizza: la musica. Note, voci, strumenti. Inizialmente facevamo solo cover, letteralmente “on the road”, ma quasi subito abbiamo provato a scrivere brani da soli. E non siamo più riusciti a smettere, portandoli in giro tra città e locali. È vero, siamo eterogenei per caratteri ed età (oltre che per provenienza, infatti qualcuno è originario di Rimini mentre qualcun altro di Pesaro), ma la musica riesce ad andare oltre qualsiasi differenza. E anche oltre al tempo».

miami and the groovers

Il legame di Lorenzo Semprini con Cesenatico è anche fresco. Solo qualche settimana fa si è esibito a Teatro a Cesenatico dando il “la” all’esibizione di Andrea Amati.

Gli artisti di Miami and the Groovers non hanno certo intenzione di fermarsi, anzi: «Fare musica è da considerarsi a tutti gli effetti come un secondo lavoro -continua Lorenzo- infatti il concerto di domenica è doppiamente speciale: oltre all’emozione dell’anniversario, segna anche un nuovo inizio. Stiamo lavorando al prossimo disco, che speriamo possa uscire nel corso di questo 2023. Ma per ora resta una sorpresa.»

 

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply