fbpx
 
 

Venerdì 15 dicembre (ore 20:45), al Museo della Marineria di Cesenatico, Gianfranco Miro Gori racconterà il cinema durante il periodo fascista, mostrando anche immagini di film dell’epoca selezionate da Luca Morellini. L’incontro pubblico, e ad ingresso libero, è organizzato dall’Anpi di Cesenatico, col patrocino del comune e la collaborazione della Cgil di Forlì Cesena.

Quando alla fine del 1922 i fascisti salgono al potere, il cinema italiano – reduce dai successi degli anni dieci – compie la sua ultima impennata produttiva e comincia a decadere per riprendersi a partire dall’inizio degli anni trenta con un crescendo che s’interrompe all’inizio della guerra.

Mussolini, giornalista di professione, era ben cosciente della potenza del medium cinematografico che raggiungeva tutte le classi sociali. Tanto è vero che uno dei suoi slogan più famosi recitava: “La cinematografia è l’arma più forte” al fine, naturalmente, di incrementare il consenso al fascismo.

 
 
 
 
 
 
 

Nacquero così i cinegiornali Luce come eccezionale strumento di propaganda nella quale il regime intervenne direttamente. Nel cinema di finzione, invece, pur se ancora più potente, il fascismo si prodigò ma in modo indiretto. Tanto è vero che i film esplicitamente propagandistici del regime, sui 1200 circa prodotti nel ventennio, si contano sulle dita: sette. Il fascismo al potere puntò soprattutto sui film storici che mostravano le epoche gloriose e gli eroi della storia della patria alludendo al regime come erede e naturale continuatore delle prime e a Mussolini dei secondi. Nondimeno, pur essendo stati prodotti film storici in gran numero, la quota maggiore spettò alle commedie che, in molti casi, invitavano al conformismo se non all’adesione diretta al fascismo in ossequio a dio, alla patria, alla famiglia. Non mancarono i film i bellici.

Gianfranco Miro Gori, storico e critico del cinema, condurrà gli spettatori nei vari percorsi del cinema narrativo del ventennio mettendone in luce i diversi aspetti stilistici, storici, spettacolari e propagandistici.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply